Cinema

La stanza di Marvin: cast unico e tanto amore

La stanza di Marvin” è un film diretto nel 1996 da Jerry Zacks all’ora esordiente sul grande schermo. La pellicola vede un cast molto particolare:Leonardo Di Caprio, Meryl Streep, Robert De Niro e Diane Keaton. La Stanza di Marvin è una trasposizione teatrale della piecè di Scott McPherson, autore infatti anche della sceneggiatura.
Sebbene abbia ricevuto critiche positive, il film di Zack è stato un insuccesso al botteghino, solo successivamente ha vissuto tempi migliori ricevendo note positive anche da parte del pubblico.

La Stanza di Marvin
Diane Keaton e Leonardo Di Caprio in una scena della pellicola diretta da Jerry Zacks-photo credits: web

Trama

Bessi e Lee (Diane Keaton e Mery Streep), sono due sorelle che non si frequentano da circa 20 anni. Un bel giorno Bessie riceve una brutta notizia e le viene diagnosticata la leucemia. Per potere guarire ha bisogno di un trapianto di midollo osseo. Contemporaneamente conosciamo Lee che svolge la sua professione di parrucchiera in una piccola cittadina dell’Ohio. Lee è madre di due figli, il piccolo Charlie ed Hank (Leonardo di Caprio), giovane con dei disturbi comportamentali. Hank viene portato in un manicomio dopo aver tentato di mandare a fuoco la casa.

La Stanza di Marvin
Leonardo Di Caprio nel ruolo di Hank, un giovane adolescente con problemi comportamentali-photo credits: web

Legami, non c’è motivo di essere nervosi

Assistiamo alla vita parallela di due donne, due sorelle, che vivono disgrazie contemporanee ma l’una ben distante dall’altra: Bessie vive in Florida con la dolce zia Ruth, accanita seguace di una soap opera e disturbata da dei dolori cronici. Bessie assiste a sua volta il padre Marvin, che è costretto a letto a causa di un ictus. Una chiamata del dottor Wally, stravolge la vita quotidiana di Lee che decide di partire con i figli per la Florida, alla ricerca della soluzione per la leucemia di Bessie.

La Stanza di Marvin
Diane Keaton e Meryl Streep, protagoniste de “La Stanza di MArvin”- photo credits: web

Le zie

La stanza di Marvin è un affresco lirico, teatrale e drammatico che coinvolge lo spettatore sin dai primi istanti. Un film intimo ed introspettivo che mostra ai suoi spettatori le infinite sfaccettature di cui tutti siamo inesorabilmente i protagonisti. La famiglia è un nucleo complesso, che di naturale ha le sue stesse radici e nemmeno le distanze talvolta possono eliminare dei legami indissolubili. E’ molto bello seguire inoltre il rapporto che progressivamente prende piede e anima la casa di Bessie e il signor Marvin, tra il nipote Hank e la zia. Tra Charlie e Ruth e le sue idee rispetto alle sorti dei suoi beniamini televisivi.

La Stanza di Marvin
Meryl Streep e Diane Keaton in una scena de “La Stanza di Marvin”- photo credits: web

Perchè rivederlo o recuperarlo?

La Stanza di Marvin è un complesso di vite drammatiche ma allo stesso tempo commuove e fa sorridere perchè Zacks film la vita per quello che è talvolta: drammatica ma persino buffa. I rapporti costruiti attraverso descrizioni semplici ma coerenti con i personaggi, si sviluppano in modo naturale e ciò permette allo spettatore di sviluppare fotogramma dopo fotogramma, empatia per ogni singolo carattere. E’ importante l’uso della musica, un soundtrack narrativo ed emotivamente onnipresente, una sorta di voce che si eleva alle vicende e le colora di una coscienza interiore malinconica e amica.

Sorelle

La stanza di Marvin è anche una fotografia del rapporto tra sorelle e fratelli che nonostante le difficoltà si ritrovano in fin dei conti a viversi per quello che sono e si lasciano andare a qualcosa che è inspiegabile, è un patto che potremmo sostenere di suggellare alla nascita anche in nostra assenza. Si rimane sorelle? forse si, sempre e dopo tutto.

Seguici su MMI e Metropolitan Cinema

Silvia Pompi

Back to top button