Larry Brown è sicuramente uno degli allenatori più riconosciuti dagli appassionati di pallacanestro NBA, ma anche dagli appassionati del nostro paese. Lo storico coach di Philadelphia 76ers e Detroit Pistons ha avuto anche un breve trascorso in LBA, alla guida della FIAT Auxilium Torino. Il nativo di Brooklyn però nel 2005 entra ancor di più nella storia della Lega.

Larry Brown e i Knicks

Larry Brown e Stephon Marbury. Photo by Associated Press

Nell’estate 2005 Larry Brown veniva da due NBA Finals consecutive alla guida dei suoi Detroit Pistons. Nel 2004 Brown conquista il suo primo Titolo NBA sconfiggendo i Los Angeles Lakers con un nettissimo 4-1.

Nel 2005 invece per i Detroit Pistons arriva la sconfitta alle NBA Finals. Nella serie finale gli uomini di Brown erano stati superati dai San Antonio Spurs per 4-3, e il destino del coach sembrava essere più lontano da Detroit.

Il coach sembrava aver bisogno di più stimoli, che arrivarono dalla Grande Mela. I New York Knicks infatti manifestarono il loro interesse per riportare a New York uno degli allenatori più preparati.

Ed esattamente il 28 giugno 2005 i Knicks firmarono Larry Brown per il ruolo di Head Coach. Fu un contratto storico per un allenatore, infatti Brown divenne il più pagato di sempre nel suo ruolo.

Il contratto e la stagione

Larry Brown infatti firmò un contratto di cinque anni coi New York Knicks, che avrebbe fruttato all’allenatore tra i 50 e i 60 milioni di dollari.

Purtroppo la stagione dei Knicks non andò secondo le aspettative, nonostante un roster giovane che poteva contare su Nate Robinson, Stephon Marbury, Steve Francis, Penny Hardaway, Jalen Rose, Jamal Crawford, Trevor Ariza, Quentin Richardson e David Lee.

New York infatti chiuse la Regular Season con un record deficitario di 23 vittorie e 59 sconfitte, mancando i Playoffs. I Knicks chiusero la stagione con il penultimo record NBA, davanti solamente ai Portland Trail Blazers.

La conseguenza di questa stagione no fu il licenziamente di coach Larry Brown con 4 anni d’anticipo rispetto al suo contratto.

Seguici su:

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia

Account Twitter ufficiale Metropolitan Magazine Italia

Il Basket di Metropolitan

© RIPRODUZIONE RISERVATA