Calcio

Lazio-Inter 3-1, vittoria in rimonta per Sarri: Inzaghi applaudito dalla “Nord”

Lazio-Inter, nell’ottava giornata del campionato di Serie A 21-22, si chiude con la vittoria in rimonta della Lazio, che dopo un primo tempo di sofferenza, nei secondi 45 minuti di gioco, sfodera una prestazione da incorniciare, prendendosi i tre punti. Così cronaca, promossi e bocciati del match.

Il primo tempo di Lazio-Inter

Dopo i primi dieci minuti, impiegati dalle due formazioni per impostari in campo nel modo migliore, una discesa sulla destra di Felipe Anderson, permette di andare al tiro prima Pedro e poi Leiva, ma il primo è murato dalla difesa nerazzurro, mentre il secondo spara alto.

Sul ribaltamento di fronte, Hysaj atterra nella propria area di rigore Barella, reglando un rigore evitabile all’Inter. Dal dischetto Perisic non ha esitazioni e spiazzando Pepe Reina, porta in vantaggio i suoi.

La Lazio ci mette un po’ a reagire e dopo qualche giocata degli ospiti, al 25′, ancora una volta dalla destra, Felipe Anderson confeziona un ottimo assist basso sul quale irrompe Basic a colpo sicuro dalle retrovie, ma perfetta è però la risposta di Handanovic, che salva la sua porta.

Cinque minuti più tardi, Barella ci prova dal limite dell’area, cercando il sette più lontano con il suo sinistro, ma il pallone non trova la porta biancoceleste. Le emozioni continuano con Immobile che manca la porta di testa su calcio d’angolo al 34′ e con Perisic che un minuto dopo, dalla distanza si vede dire di ‘no’ da Reina.

Al 40′ Basic prova a sorprendere Handanovic dalla media distanza, ma l’estremo difensore nerazzurra blocca bene a terra. Tre minuti dopo Pedro sfrutta un pallone al limite dell’area avversaria recapitatogli da Milinkovic-Savic, per cercare la porta, tiro insidioso, deviato in corner dalla difesa interista.

Il secondo tempo di Lazio-Inter

Il primo brivido della ripresa, deriva da un affondo difensivo sull’out di destra di Barella, che arrivato sul fondo crossa al centro alla ricerca della testa di Dzeko, che non segue il compagno, facendo sfumare l’occasione. È invece mal calibrato, un destro di Immobile al 52′, esploso dal limite dell’area avversaria.

Gli uomini di Sarri provano a scuotersi al 60′ con Milinkovic-Savic, il cui destro da fuori area, tuttavia, non riesce a cogliere il bersaglio grosso. Due minuti più tardi, su azione nata da un corner, Patric colpisce di testa, la sfera tocca il braccio di Bastoni e la Lazio può fare un giro dal dischetto. Immobile batte bene il penalty e la gara torna in parità.

A questo punto Inzaghi opera diversi cambi e l’Inter riprende a giocare con una maggiore autorevolezza in campo. All’81’ Lautaro Martinez, da poco in campo, tenta la via del gol da fuori area, ma Reina blocca senza difficoltà.

Sul prosieguo dell’azione, Immobile arriva a calciare in porta, Handanovic respinge la sfera, Felipe Anderson irrompe indisturbato sulla sfera, portando i biancocelesti in vantaggio. Subtio dopo si apre una rissa, con i nerazzurri a protestare perché, durante l’azione del gol dei padroni di casa, Dimarco era a terra. L’arbitro Irrati, per sedare gli animi, rifila 4 cartellini gialli.

Sul finale Immobile cerca la via del gol ma trova l’opposizione di Handanovic. Milinkovic-Savic, tuttavia, durante i minuti di recupero, di testa, porta a tre le segnature per i biancocelesti.

Lazio-Inter, dunque, va in archivio con una preziosa vittoria dei padroni di casa, che in classifica volano a 14 punti, lasciando i nerazzurri a quota 17.

I Promossi

Felipe Anderson-Immobile (Lazio): il primo gioca un ottimo primo tempo e poi nella ripresa, con grande senso del gol, accompagna nel modo migliore l’azione di Immobile, firmando la rete del 2-1. L’attaccante biancoceleste, invece, oltre a intestarsi il gol del pareggio su calcio di rigore, trova il guizzo giusto per propiziare la rete del raddoppio laziale.

Barella (Inter): a giocare bene è tutto il reparto centrale della squadra di Inzaghi, ma non c’è dubbio che la prestazione del numero 23 nerazzurro, rappresenti un po’ la ciliegina su un’ottima torta. È lui a guadagnarsi il rigore che porta l’Inter in vantaggio nel primo tempo. Peccato per l’Inter, tuttavia, che la “magia” duri solo fino al termine dei primi 45 minuti di gioco.

I Bocciati

Hysaj (Lazio): il difensore biancoceleste non gioca una gara tutta da buttare, ma la “sufficienza” con la quale affronta Barella nel primo tempo, occasione dalla quale origina il rigore del vanaggio interista, assomiglia maledettamente a un errore da sottolineare con la matita rossa.

Calo secondo tempo (Inter): dopo una prima fiammata, i nerazzurri arretrano sin troppo il proprio baricentro, finendo per favorire la reazione biancoceleste, poi concretizzata dal gol del pareggio. Nei 15 minuti finali, poi, la Lazio fa tutto giusto e i nerazzurri vanno inesorabilmente ko.

Autore: Adriano Fiorini

Articolo precedente

Seguici su:

Pagina Facebook Il calcio di Metropolitan

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia

Account Twitter Ufficiale Metropolitan Magazine Italia

Serie A

(Photo credit: Inter)

Link foto: https://www.facebook.com/Inter/photos/pcb.4840958239287610/4840944592622308/

Adv
Adv

Adriano Fiorini

"Lo sport va a cercare la paura per dominarla, la fatica per trionfarne, la difficoltà per vincerla." (cit. Pierre De Coubertin). C'è allora qualcosa di più divertente da raccontare?
Adv
Back to top button