Siamo arrivati all’ottava giornata del campionato di LBA Serie A. L’anticipo del sabato tra Pesaro e Trento ha visto prevalere i trentini all’overtime 95-101. Chiude la sfida del lunedì tra Milano e Pistoia. Andiamo, invece, a scoprire quali saranno i match di questa domenica

LBA Serie A, Brescia-Varese

Apre, a pranzo, la domenica di LBA Serie A il derby lombardo tra Brescia e Varese. La Germani arriva dalla terza sconfitta in EuroCup contro l’Unics Kazan, mentre in campionato ha ritrovato la vittoria sul parquet della Fortitudo Bologna. Ora i biancoblu si trovano al quarto posto in classifica. Varese, al contrario, nell’ultimo turno ha perso malamente contro Milano. I Varesotti, dopo aver ufficializzato l’addio di Milenko Tepic, incontreranno l’ex di turno Tyler Cain, per due anni in forza ai biancorossi. Sono 30 le gare giocate tra le due società, 20 le vittorie di Varese e 10 quelle di Brescia, ma dal ritorno in Serie A della Leonessa,il conto dei precedenti è in favore proprio di questi ultimi (6 vittorie a 3). L’ultimo precedente risale alla scorsa stagione in regular season, dove la Germani si è imposta in casa con un 78 a 73.

LBA Serie A
PHOTO CREDITS: Raso
Tyler Cain, l’ex della partita

LBA Serie A, Cantù-Virtus Roma

Alle 17 scendono in campo al PalaDesio l’Acqua San Bernardo Cantù di Cesare Pancotto, ex della partita, e la Virtus Roma di Piero Bucchi. Cantù, l’attacco meno prolifico del campionato, arriva dall’importante successo ottenuto a Cremona che ha permesso ai lombardi di raggiungere in classifica proprio la Virtus, sconfitta nelle due ultime uscite da Sassari e Milano. In dubbio per la sfida è il canturino Wes Clark, mentre Roma potrà affidarsi all’emergente Alibegovic, il cui padre è stato allenato proprio da Pancotto, come ricordato dal coach dei lombardi in conferenza stampa. Il conto dei precedenti vede in vantaggio i capitolini per 49 vittorie a 42. L’ultimo risale alla stagione 2014-2015, culminata con la retrocessione in A2 della Virtus Roma, e a spuntarla fu Cantù al PalaLottomatica con un 75-78.

LBA Serie A
PHOTO CREDIT: Imago
Amar Alibegovic, trascinatore della Virtus

LBA Serie A, Trieste-Brindisi

Alle 17.30 si scontreranno all’Allianz Dome l’Alma Pallacanestro Trieste e l’Happy Casa Brindisi. Trieste, che sarà priva di Mitchell, nell’ultimo turno ha subito una sconfitta a Pistoia, regalando così il primo trionfo stagionale ai toscani. I triestini hanno bisogno di riscattarsi in virtù di una classifica che vede l’Alma più vicina alla zona retrocessione che ai play-off. Brindisi arriva dalla vittoria contro i turchi del Besiktas in Champions League e dal match, in campionato, contro Venezia terminato con lo stesso epilogo. I pugliesi possono vantare un Banks devastante da 20 punti a gara. La scorsa stagione Brindisi ha vinto entrambe le sfide contro i giuliani. All’andata con un 71-92 in trasferta, mentre al ritorno si imposero al PalaPentassuglia con un 85-77.

LBA Serie A
PHOTO CREDIT: LaPresse/Claudio Grassi
Adrian Banks, super inizio di stagione per lui

LBA Serie A, Virtus Bologna-Treviso

Alle 18, alla temporanea Virtus Segafredo Arena, scenderanno in campo la capolista Virtus Bologna contro l’Universo Treviso. Le V nere, trascinate da Teodosic e Markovic, giocatore più prolifico per assist, hanno l’occasione di prendere il largo. La Virtus, ancora imbattuta, ha un roster completo e dotato di una forte identità, frutto del grande lavoro di coach Djordjevic. Sarà, dunque, molto difficile per Treviso fare il colpaccio. Veneti che possono contare sul rientro dell’ex Matteo Imbrò, voglioso di fare bene davanti al suo ex pubblico per tentare l’impresa. Virtus che dopo aver sbancato Reggio Emilia è riuscita ad ottenere un’importante successo in EuroCup contro l’Ulm, portandosi così al primo posto del girone A. Treviso è tornata alla vittoria nell’ultimo turno contro Pesaro e ora, la squadra neopromossa, ha una buona vista sui playoff.

PHOTO CREDIT: Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria/ Virtus Pallacanestro Bologna
Sasha Djordjevic, coach della Virtus Bologna

Cremona-Fortitudo Bologna

Alle 19 sfida inedita per i campi di Serie A. Cremona, guidata dal ct azzurro Meo Sacchetti, e la Fortitudo di Antimo Martino non si sono mai affrontate nella loro storia. Una sfida che arriva in momenti opposti per le due compagini. La Effe in questo inizio di stagione è andata oltre le aspettative, ma arriva dal fiasco in casa contro Brescia. Cremona invece è terzultima con 4 sconfitte nelle ultime 5. Diverse anche le idee dei due allenatori con l’ex coach di Sassari che punta maggiormente sui singoli, mentre Martino predilige una squadra più accorta. Entrambi hanno bisogno di vincere. Sacchetti con una vittoria raggiungerebbe Pancotto come allenatore più vincente dei lombardi, con 43 successi. La Fortitudo vuole invertire il trend negativo in trasferta.

PHOTO CREDIT: fiba.basketball
Romeo Sacchetti, coach di Cremona e ct azzurro

Venezia-Sassari

Conclude la domenica cestistica la sfida tra le due squadre protagoniste sia della finale Scudetto 2019, vinta dai lagunari di Walter De Raffaele, che della Supercoppa Italiana, alzata invece dai sardi. Sarà, quindi, una partita ricca di emotività e garanzia di spettacolo. Sassari ha iniziato fortissimo la stagione con 10 vittorie su 12 partite, contando tutte le competizioni, mentre Venezia ha fatto più fatica imponendosi in campionato solo 3 volte su 7, peggior partenza dalla stagione 2013-2014. Entrambe arrivano da una vittoria in trasferta in Europa. Gli uomini di Pozzecco hanno sbancato il parquet dei polacchi del Torun(113-95), mentre Venezia il campo del Partizan Belgrado (83-69). Diversi, invece, i risultati ottenuti in campionato. Il Banco ha vinto in casa contro Roma. La Reyer ha perso a Brindisi,rimanendo con 6 punti in classifica. I precedenti totali tra le due compagini sono 36 con 16 vittorie di Venezia e 20 di Sassari.

PHOTO CREDIT: Ciamillo-Castoria
Marco Spissu. Il Sassarese è la dimostrazione dell’importanza degli italiani nel gruppo Dinamo.

Seguici su:

Pagina Facebook

Per altri articoli sul basket

© RIPRODUZIONE RISERVATA