Dopo 8 giornate la Virtus Bologna è ancora in testa alla classifica. L’anticipo tra Sassari e Reggio Emilia ha visto prevalere i sardi con uno schiacciante 100-81. Andiamo a scoprire cosa ci attende questa domenica

LBA Serie A, Trento-Cremona

Apre le danze il lunch match di LBA Serie A tra la Dolomiti Energia Trentino e la Guerino Vanoli Basket . I bianconeri, privi di Aaron Craft, vogliono riscattare la sconfitta interna in Eurocup contro i montenegrini del Buducnost Podgorica. Le cose vanno meglio in campionato, dove i trentini sono usciti vincitori nell’ultimo turno a Pesaro. Cremona dovrà fare a meno di Travis Diener, ma potrà affidarsi al neo-acquisto Ethan Happ, reduce da un’ottima prestazione nel successo contro la Fortitudo Bologna. I lombardi, nonostante l’inizio poco entusiasmante, possono essere comunque fiduciosi sull’avvenire. La squadra di Sacchetti è in seconda posizione per quanto riguarda il numero di possessi a partita e continua ad avere molta fiducia al tiro. L’ultimo scontro risale alla scorsa stagione, quando l’Aquila Basket si impose al PalaRadi per 84-89. Complessivamente Trento è in vantaggio di 8 vittorie contro le 2 di Cremona.

PHOTO CREDIT: aquilabasket.it
I giocatori trentini festeggiano dopo il successo su Pesaro

LBA Serie A, Varese-Venezia

Alle 17 Venezia sarà ospite di Varese all’Enerxenia Arena. L’Openjobmetis arriva da due trasferte negative contro Milano e Brescia. Soprattutto quella bresciana non è andata giù agli uomini di coach Caja, che ora sono costretti a tentare l’impresa per non perdere il treno playoff. Varese si affiderà alla certezza Mayo, ma spera nel riscatto di Vene. Si può dire che i Campioni d’Italia non stiano vivendo un inizio di stagione spettacolare. I lagunari sono ancora alla ricerca della prima vittoria esterna in campionato e farlo domani avrebbe un grande valore, visto il momento difficile per la città di Venezia. La Reyer può vantare la seconda difesa del campionato, ma non segna tantissimo. De Raffaele si affiderà alla fisicità di Stone e Watt e al talento di Austin Daye, reduce da 13 punti in 7′. I precedenti vedono in vantaggio Varese con 60 vittorie, contro le 36 della Reyer. L’ultimo scontro risale alla scorsa stagione, quando i lombardi si imposero con un 87-79 a Masnago.

LBA Serie A
PHOTO CREDIT: Lapresse
Austin Daye, numero 9 di Venezia

LBA Serie A, Treviso-Brescia

Alle 17.30 al Palaverde si affronteranno l’Universo Treviso e la Germani Basket Brescia. La TVB è ferma a quota 6 punti dopo la sconfitta contro la Virtus Bologna, mentre la Leonessa fa parte del gruppo delle terze a quota 10 punti e si approccia a questo match con una vittoria in campionato e una in EuroCup, rispettivamente contro Varese e Badalona. La De’ Longhi è una squadra giovane e talentuosa, guidata dal leader Logan, coadiuvato da giocatori importanti come Cooke, Nikolic e l’italiano Amedeo Tessitori. Tex potrebbe ingaggiare un duello con Tyler Cain, assistito da Luca Vitali. Giocatori di grande personalità sono anche Lansdowne e Ken Horton, miglior marcatore di Brescia. La Germani parte sulla carta favorita ma la casa dei veneti è un vero e proprio fortino. Non sarà una passeggiata…

LBA Serie A
PHOTO CREDIT: Ciamillo/Castoria
David Logan, guida di Treviso

Trieste-Virtus Bologna

Alle 18 spazio a Trieste e Virtus Bologna. La capolista si presenta all’Allianz Dome con 8 vittorie consecutive. Trieste arriva dalla sconfitta contro Brindisi, che non può far stare sereno coach Dalmasson, con la zona retrocessione a soli 2 punti. Tra problemi societari e quelli di campo, la situazione non è per niente semplice. Deludente l’inizio di stagione di Jon Elmore e Akil Mitchell, mentre notizie positive arrivano da DeQuan Jones, che contro Brindisi ha messo a referto una doppia-doppia da 13 punti e 14 rimbalzi. La Virtus, guidata dal solito Teodosic, parte favorita vista la differenza tra i valori in campo. Contro Treviso, i bolognesi hanno ritrovato Frank Gaines con una prestazione da 20 punti, ma a sorprendere sono le prestazioni di Giampaolo Ricci. L’ex Vanoli, arrivato in sordina, si dimostra ogni partita sempre più fondamentale per gli schemi tattici di coach Djordjevic. L’ultimo precedente tra le due squadre, nella scorsa stagione, ha visto prevalere la Virtus in casa per 82 a 74.

LBA Serie A
PHOTO CREDIT: Ciamillo
Virtussini nella trasferta a Reggio Emilia

Fortitudo Bologna-Olimpia Milano

Al 18.30 andrà, invece, in campo l’altra bolognese. Le due sconfitte rimediate contro Brescia e Cremona non sono piaciute al pubblico fortitudino ma Antimo Martino non vuole che si crei un’inutile depressione e chiede, quindi, energia e leggerezza mentale. L’avversario, l’Olimpia Milano, è sicuramente ostico. La squadra di coach Ettore Messina arriva dal k.o. subito in Eurolega contro il Khimki e, vista la situazione di classifica, questo non può accadere neanche in campionato. La Fortitudo farà una partita di grande pressione con il rischio di finire in riserva, quindi sarà fondamentale l’apporto di tiratori come Aradori, Robertson e Leunen. Importante anche andare a rimbalzo offensivo, dove su tutti spicca Henry Sims. L’Armani non avrà alcun interesse ad alzare il ritmo della partita e molto probabilmente riposerà qualche stella del roster meneghino. L’infortunio di Della Valle è un segnale di quanto non si possa rischiare, in vista del doppio impegno stagionale. Tra gli ex della partita troviamo Stefano Mancinelli, a Milano dal 2009 al 2012.

PHOTO CREDIT: Ciamillo
Stefano Mancinelli in maglia Milano (2011)

Pistoia-Cantù

Alle 19 al PalaCarrara andrà in scena Pistoia contro Cantù, ovvero peggior difesa del campionato contro peggior attacco. L’OriOra ha vinto solo una partita dopo 8 giornate e si fa molta fatica, quindi, ad essere ottimisti. I toscani arrivano dalla sconfitta al Forum contro Milano per 86 a 63 dove, nonostante la pesante sconfitta, Landi e Wheatle sono andati entrambi in doppia cifra. Coach Michele Carrea dovrà fare a meno dell’inglese, mentre ritroverà a disposizione Justin Johnson e Angus Brandt, allenatisi con la squadra negli ultimi giorni. Cantù arriva al match con la squadra al completo, con il solo Andrea Pecchia influenzato. I canturini vogliono riscattare la sconfitta subita contro la Virtus Roma e ottenere due punti fondamentali per la lotta salvezza. L’ex della sfida è Zabian Dowdell, che ha indossato la maglia canturina nella stagione 2016-2017. L’ultimo precedente in casa Pistoia ha visto prevalere gli ospiti con un 74-84.

PHOTO CREDIT: Ciamillo-Castoria
Pistoia e Cantù la scorsa stagione

Virtus Roma-Pesaro

Chiude il programma della nona giornata la partita tra la Virtus Roma e la Carpegna Prosciutto Pesaro. La Virtus arriva dal successo ottenuto nel finale contro Cantù, che ha permesso ai giallorossi di Piero Bucchi di conquistare l’ottava posizione in classifica, valevole per le Final Eight di Coppa Italia. Dall’ultima sfida sono usciti positivamente Jerome Dyson, 21 punti e 8 assist, e Davon Jefferson, molto spesso propositivo. Bucchi potrà contare su Alibegovic e Kyzlink, sempre sul pezzo quando vengono chiamati in causa. Pesaro si trova, invece, in ultima posizione. La squadra di coach Perego si trova ancora a 0 punti, nonostante la prestazione contro Trento culminata con la sconfitta all’overtime. Pesaro dovrà affidarsi a Jaylen Barford, ma non è da sottovalutare l’apporto degli esterni. Vasa Pusica e Federico Mussini, nella loro ultima apparizione, hanno sfornato una prestazione da rispettivamente 11 e 12 punti. Favorita è certamente la Virtus, ma la voglia di trovare i primi punti, per Pesaro, potrebbe portare ad un copione diverso.

PHOTO CREDIT: Ciamillo-Castoria /Claudio De Gasperi

Seguici Su:

Pagina Facebook

Per altri articoli sul basket clicca qui