Cinema

L’elaborazione del lutto nel film “Molto forte, incredibilmente vicino”

Stasera in tv su Iris andrà in onda il film “Molto forte, incredibilmente vicino” (2011) del regista Stephen Daldry. Tratto dall’omonimo romanzo di Jonathan Safran Foer ha ottenuto due candidature agli Oscar come miglior film e miglior attore non protagonista (Max von Sydow). Nel cast il giovane attore Thomas Horn, nel suo primo ruolo, al fianco di Tom Hanks e Sandra Bullock.

La pellicola racconta di un dramma che purtroppo ha accumunato la vita di oltre 3000 bambini orfani di un genitore in seguito al terribile attentato dell’11 settembre. Ma questo evento storico sarà una cornice che racchiude invece un percorso intimo di un figlio nell’elaborazione del lutto rappresentato però in chiave differente. Scopriamo insieme la trama nel dettaglio.

La trama del film “Molto forte, incredibilmente vicino”

Oskar Schell, un bambino di undici anni, vive a New York insieme al papà Thomas con cui ha un rapporto particolarmente forte e alla mamma Linda. Il ragazzino nonostante la difficoltà a socializzare è molto creativo e viene incentivato dal padre a sfruttare la sua intelligenza attraverso cacce al tesoro con indovinelli. La vita però è imprevedibile e in un attimo la loro quotidianità verrà stravolta dall’attentato terroristico alle Torri Gemelle, dove perde la vita Thomas. Per un po’ di tempo Oskar ritorna a rifugiarsi sempre più nel profondo nella sua timidezza estraniandosi da mondo, fino a quando trova una busta contenente una chiave. Partirà così in una nuova caccia al tesoro nella città di New York.

Ci ritroviamo in un incredibile viaggio, una frenetica e segreta ricerca in una città per lui troppo rumorosa. Oskar però, anche se solo, sarà spinto, grazie ai ricordi che lo legano al padre, in un percorso attraverso cui affrontare molte delle sue paure. È proprio questo il punto cardine della pellicola, ovvero il potere dell’amore di un genitore che è in grado di attraversare lo spazio e il tempo per continuare ad esserci nonostante la morte. 

Francesca Agnoletto

Francesca Agnoletto

Francesca Agnoletto è scrittrice, articolista, videomaker e laureata al Dams all'Università di Padova. Gli studi le hanno fornito un'ottima conoscenza in ambito cinematografico, argomento d'interesse di cui si occupa nei suoi articoli.
Back to top button