Cultura

L’inferno di Dante sui violini di Frigo

L’Inferno di Dante sui violini di Frigo. Questo è il progetto artistico dedicato all’inferno di Dante in occasione delle celebrazioni dei 7 secoli dalla morte del sommo poeta. L’opera è di Leonardo Frigo. Un lavoro certosino che ha richiesto uno studio approfondito la cui realizzazione è durata 5 anni. L’opera sarà presentata in anteprima al museo Royal Institution of Great Britain, ad Harrods e all’evento Bond Street Awards a Londra. L’opera comprende 33 violini e un violoncello dipinti a mano, dove ogni violino rappresenta un canto.

“Lo scopo principale della mia opera è di promuovere e condividere la cultura italiana nel mondo. L’Inferno di Dante mi ha sempre ispirato fin da bambino, probabilmente posso dire che mi ha insegnato ad immaginare e sognare. Tutti i miei violini sono ispirati a una specifica storia oppure a una biografia. Di solito comincio leggendo e poi trasferisco tutto sui violini. Mi piace pensare che anche i miei violini possano essere letti come un libro.
    Ogni strumento richiede tra le 150 e le 200 ore di lavoro e così riesco a unire le mie due grandi passioni per l’arte e per la musica”” spiega l’artista che vive a Londra.

L'inferno di Dante sui violini di Frigo
Immagine violino di Leonardo frigo photo credit : ravennatoday.it

L’inferno di Dante sui violini di Leonardo Frigo, simboli, scene e personaggi chiave tratti dall’immaginario del poema sono riportati dall’artista sulla superficie dei violini. Ogni strumento accuratamente trattato e posizionato su una base sarà corredato da un accurato testo descrittivo, sia in lingua italiana che in inglese. Questo per mettere in luce e analizzarne tutti i particolari.

L’opera di frigo

Lo scopo principale dell’opera è di promuovere e condividere la cultura italiana nel mondo. Avvicinare le nuove generazioni alle opere dei grandi poeti e dare la possibilità a chi già ne ha conoscenza di aumentarne la passione.

di Loretta Meloni

Immagine di copertina (violini Leonardo Frigo) photo credit: Skyarte.it

Facebook

Instagram

Twitter

Back to top button