Gossip e Tv

Livio Macchia, curiosità e vita privata del bassista dei Camaleonti

Livio Macchia è il bassista dei Camaleonti, gruppo tra i più conosciuti ed apprezzati della musica italiana con alle spalle (quasi) sessant’anni di carriera. Oggi la band sarà tra gli ospiti di “Oggi E’ Un Altro Giorno” a partire dalle 14:00 su Raiuno.

Nato nel 1941 ad Acquaviva Delle Fonti in provincia di Bari, nei primi anni sessanta intraprende l’avventura nel mondo della musica con gli amici Tonino Cripezzi, Paolo De Ceglie, Gerry Manzoli e Riki Maiocchi con la band I Camaleonti. Il primo grande successo è L’Ora Dell’Amore, cover del brano dei Procol Harum del 1967, che mantiene la vetta della classifica per 10 settimane e vende oltre 1 milione e mezzo di copie, bissato da Applausi  con 900.000 copie vendute, che rimane in classifica per dodici settimane, piazzandosi (e rimanendo) al primo posto per le tre settimane.

Livio Macchia con i Camaleonti dal 1963: i successi

Riguardo la sfera sentimentale, il bassista che lo scorso novembre ha compiuto 80 anni, è sempre stato abbastanza riservato. Nel passato è stato legato a Renata Simoncini, con la quale era stato avvistato in occasione del quinto compleanno della band in compagnia di Pietruccio Montalbetti dei Dik Dik e Lucio Battisti. Livio Macchia ha un figlio che oltre ad avere lo stesso nome del padre ha anche ereditato la passione per la musica. Padre e figlio hanno condiviso lo stesso palco esibendosi con le rispettive band. Lo stesso Macchia degli Swami ha dichiarato in un’intervista quanto sia stata importante l’influenza dei Camaleonti per la nascita del gruppo:

I Camaleonti sono stati influenzanti in modo del tutto naturale; in particolar per me (Livio) che dai primi passi ho seguito mio padre nelle varie tournée, creando così una naturale colonna sonora nella mia infanzia…Album dei Camaleonti ci hanno fatto capire da vicino come si è sviluppata la musica negli anni d’oro…condita fortunatamente da alcuni tra gli stessi strumenti musicali presenti in quell’epoca, fotografie opacizzate dal tempo e dei fantastici vinili psichedelici/progressive come Che Aereo stupendo…la SperanzaAmicizia e Amore e Vita d’Uomo“. 

Fonte: patriziolongo.com

Seguici su

Facebook, Instagram, Metrò, La Rivista Metropolitan Magazine N6

Back to top button