Calcio

Livorno cambia pelle: i labronici ripartono da Filippini

Il Livorno sta affrontando una stagione difficilissima, l’attuale ultima posizione in classifica sembra un fardello pesantissimo da potersi dietro. In un campionato in cui ogni squadra ha dato dimostrazione di poter ottenere risultati importanti anche contro squadre più preparate, il Livorno sembra non essere mai uscito a emergere. Solamente quattro vittorie (record negativo), ben 18 sconfitte (anch’esso record), e peggior attacco del campionato. A dare speranza per il rush finale della stagione è la difesa: 45 le reti subite finora. Non poche, ma almeno, di gran lunga, non la peggiore.

La scelta di Spinelli

I ripetuti cambi sulla panchina della compagine toscana sono la cartina tornasole di una stagione travagliata. Basta ripercorrere insieme tutti gli avvicendamenti. I labronici hanno iniziato la stagione sotto la guida di Roberto Breda che, dopo 15 giornate e 11 punti conquistati, viene esonerato per lasciare spazio a Paolo Tramezzani. Lui però conquista il misero score di 2 punti in 7 giornate, ottenendo l’esonero. La società labronica ha allora optato per il ritorno di Roberta Breda, ma dopo un mese e qualche giorno è stato di nuovo esonerato per lasciare spazio ad Antonio Filippini.

Il presidente del Livorno Aldo Spinelli ha spiegato al Corriere dello Sport le motivazioni dell’esonero di Roberto Breda dopo la sconfitta nel derby:

Il mister ha cambiato la squadra che aveva iniziato a costruire una piccola serie positiva e stava dando garanzie. Doveva continuare su quella strada, inoltre nel derby ha fatto i cambi quando la gara stava già finendo. Doveva effettuare delle sostituzioni a inizio ripresa, ma Breda è stato fermo, in silenzio e addirittura sorrideva quindi basta così. Ho deciso di promuovere Filippini per concludere un campionato che comunque andrebbe sospeso

Il nuovo tecnico del Livorno

Intervenuto in conferenza stampa, Antonio Filippini si è presentato come nuovo tecnico del Livorno spiegando cosa serve per raggiungere l’obiettivo della salvezza:

Siamo in una situazione di classifica disperata e dobbiamo essere consci di questo per poter cercare di reagire. Ringrazio la società per avermi scelto e metterò il massimo impegno. Dobbiamo avere la perseveranza in ogni allenamento e dall’impegno costante cercare di raggiungere una serie di risultati positivi consecutivi per poter ancora sperare nella salvezza. Non dobbiamo mollare un centimetro perché solo così possiamo fare qualcosa di buono. Conosco benissimo i ragazzi essendo qui da quattro mesi, ma ancora non ho deciso che modulo adottare. Coronavirus? Dobbiamo rispettare le regole imposte dallo Stato. Sotto l’aspetto calcistico sportivo vedremo quali saranno le decisioni di Coni, FIGC e Lega e agiremo di conseguenza

Seguici anche sulla nostra pagina Facebook e sulla nostra pagina Twitter!

Back to top button