Maro Itoje, giocatore dei Saracens e della nazionale inglese, ha confessato a Dan Carter durante una diretta Instagram di aver avuto il tempo di rivedere la finale della Coppa del Mondo 2019 durante il Lockdown.

“E’ stato doloroso da guardare”

Durante una chiacchierata in diretta Instagram, su Kickin’ it, serie di interviste postate sul social da parte di Dan Carter, ex stella All Blacks, Maro Itoje ritorna sulla scorsa coppa del Mondo giocata in Giappone, dove con la sua Inghilterra è arrivato in finale, perdendo la partita decisiva contro il Sud Africa.

La seconda linea dei Saracens afferma di aver passato la quarantena riguardando per la prima volta il video della finale persa contro i sudafricani. Un dolore per lui e per tutta la sua nazionale che avevano il sogno di riportare la coppa sotto il cielo della Regina.

“La prima volta che l’ho rivista è stato durante il lockdown e volevo prendere lezioni da quella partita. Ci sono sempre lezioni di vittoria e sconfitta e permettere alle mie emozioni di guardarla mi renderà un giocatore migliore. È stato ancora doloroso da guardare, ma sono più ottimista riguardo al futuro che al passato e ci rimangono ancora molti anni per fare bene ”.

Continuando ha affermato che il lockdown può essere vista come una benedizione sia per lui che per l’Inghilterra, avendo cosi avuto il tempo per ripensare agli errori commessi e leccarsi le ferite che portava da novembre.

“Il lockdown ha dimostrato che il rugby può essere piuttosto fragile, non solo a livello individuale ma anche a livello globale. Hai bisogno di avere altre corde al tuo arco ”

Maro Itoje
Maro Itoje con la maglia della nazionale – credit: Getty Images

Dan Carter si è soffermato sull’argomento dichiarando di non aver mai imparato abbastanza dalle dolorose sconfitte nel 2003 e nel 2007, nonostante sono arrivate successivamente due prestigiose vittorie in coppa del mondo, quelle del 2011 e del 2015. Ha Cercato inoltre di dare alcuni consigli e un incoraggiamento a Maro Itoje, sicuro che avrà un futuro vincente.

Maro Itoje, un 2019 a metà: grandi vittorie e amare delusioni

Maro Itoje, non ha certo bisogno di presentazioni per tutti gli appassionati di rugby. Ha passato un 2019 davvero felice a livello sportivo, mettendosi in mostra ed esplodendo definitivamente nel grande rugby, sia a livello fisico che tecnico.

Dapprima la vittoria della Premiership e della Champions con il proprio club, i Saracens, poi una strabiliante coppa del Mondo con la maglia dell’Inghilterra.

Un mondiale giocato da protagonista, nel quale si è aggiudicato anche il premio di Man Of The match, proprio nella semifinale contro gli All Blacks. L’unica pecca, che ancora fa male, quella finale contro il Sud Africa.

Un 2019 a metà, perchè se da una parte ha vinto con il proprio club e si è messo in mostra nella coppa del Mondo con la nazionale dalla rosa rossa, dall’altra rimane il rammarico per quella finale persa e per la notizia della penalizzazione del proprio club, arrivato proprio il giorno successivo alla finale. Una vera e propria beffa che ha portato il club alla retrocessione in seconda divisione per la questione del Salary Cap. Maro Itoje che ancora non ha svelato il suo futuro, se continuerà con i Saracens, giocando in seconda divisione, oppure si trasferirà altrove.

Continua a seguire il Rugby sulle pagine di Metropolitan Magazine

© RIPRODUZIONE RISERVATA