Cinema

Matthew McConaughey, un attore dalla personalità fuori dal comune

Matthew McConaugey - Photo Credits: R101
Matthew McConaugey – Photo Credits: R101

“Quando avevo 15 anni, una persona venne da me e mi chiese: “Chi è il tuo eroe?” […] io dissi: “Ci ho pensato. Sai chi è? Sono io tra 10 anni”. […] Per ogni giorno, ogni settimana, ogni mese e ogni anno della mia vita, il mio eroe sono sempre stato io 10 anni dopo. Non sarò mai il mio eroe. Non raggiungerò mai quello stato. So di non esserlo e sono in pace con questo, perché continuerò ad avere sempre qualcuno da rincorrere.”. Così recitava Matthew McConaughey nel suo discorso agli Oscar 2014, vinti per Miglior Attore Protagonista con la sua interpretazione in “Dallas Buyers Club”. Ed è proprio questa la ricetta del suo successo. In 28 anni di carriera l’attore non si è mai accontentato dei traguardi raggiunti e ha cercato sempre di più, mettendosi alla prova in ruoli sempre diversi e con diete assurde per vestire i panni dei suoi personaggi al meglio.

Matthew è stato recentemente al centro dell’attenzione pubblica per le sue dichiarazioni riguardo le molestie subite a 18 anni. Nel suo libro “Greenlights”, in cui si è messo a nudo facendo venir fuori la sua personalità fuori dal comune, l’attore ha raccontato di essere stato molestato da un uomo mentre aveva perso i sensi nel retro di un furgone. A 15 anni invece era stato ricattato per fare sesso. Queste esperienze mettono sotto una nuova luce l’impegno di McConaughey nel programma “Eliminazione stupri” dell’Università del Texas. Matthew sembra essersi ormai messo la faccenda alle spalle, e adesso si gode la sua vita coniugale con la moglie Camila e il figlio Levi, che sembra già voler seguire le orme del padre.

Il discorso di Matthew McConaugey dopo la vittoria come Miglior Attore Protagonista agli Oscar 2014

La carriera di Matthew McConaughey

Matthew inizia con ruoli in film d’azione e commedie romantiche come “Prima o poi mi sposo” e “Come farsi lasciare in 10 giorni”. Nel 2010 l’attore decide di prendersi una pausa per dare una nuova direzione alla sua carriera, rifiutando diversi ruoli anche piuttosto importanti in film d’azione e commedie. E così torna nel 2011 con il film “The Lincoln Lawyer”. Questo è solo il primo di una serie di ruoli più impegnati e autoriali che vedranno come protagonista McConaughey. L’attore prenderà parte a grandi film tra cui ricordiamo “The paperboy”, un piccolo ruolo in “The Wolf of Wall Street” e “Interstellar” di Nolan. Secondo una voce Matthew avrebbe anche fatto un provino per interpretare Hulk nella fortunata saga Marvel, venendo però scartato nel ruolo che sarebbe poi stato affidato a Mark Ruffalo. Oggi vogliamo consigliarvi tre dei film dell’attore statunitense:

Dallas Buyers Club (2013) di Jean-Marc Vallée

Matthew McConaughey in "Dallas Buyers Club" - Photo Credits: frasesdelapelicula.com
Matthew McConaughey in “Dallas Buyers Club” – Photo Credits: frasesdelapelicula.com

Il primo della lista è il gioiello che ha fatto vincere a Matthew l’Oscar nel 2014. Siamo nel 1985. McConaughey è Ron Woodroof, un elettricista texano appassionato di rodeo che conduce una vita sregolata tra alcool e donne. L’uomo, dichiaratamente omofobo, si ammala di AIDS, ai tempi considerata la malattia dei gay, e vive il rifiuto della società in cui vive. Ron darà inizio a un contrabbando di medicinali non approvati che venderà ai malati di AIDS. Per il ruolo Matthew ha dovuto perdere ben 18 kg, seguendo un regime alimentare a base di Diet Coke, un albume di uovo e un pezzo di pollo al giorno. L’attore ha regalato una performance straordinaria nei panni di questo antieroe che si ritrova da essere un omofobo maschilista del Texas a vivere nelle vesti di chi ha sempre discriminato.

Mud (2012) di Jeff Nichols

Matthew McConaughey in "Mud" - Photo Credits: Alt Film Guide
Matthew McConaughey in “Mud” – Photo Credits: Alt Film Guide

La seconda pellicola consigliata è un altro film drammatico, ma molto diverso da “Dallas Buyers Club”. Due amici dell’Arkansas, Ellis e Neckbone, giocano con un’imbarcazione ferma nel Mississipi dove si nasconde Mud (Matthew McConaughey), un fuorilegge in fuga. Mud è ancora perdutamente innamorato di Juniper (Reese Witherspoon), e i due bambini decidono di aiutarlo a riconquistarla. Matthew interpreta un personaggio rude e dai grandi sentimenti, la cui complessità viene raccontata con grande tridimensionalità dal talentuoso regista Jeff Nichols. Il film è stato presentato anche al Festival di Cannes nel 2012 dove è stato accolto positivamente.

True detective (2014)
Matthew McConaughey in "True Detective" - Photo Credits: Spettacolo News
Matthew McConaughey in “True Detective” – Photo Credits: Spettacolo News

Il terzo non è un film, bensì una fortunata serie TV che non ha nulla da invidiare alle pellicole del grande schermo: “True detective”. Matthew McConaughey, accanto all’amico Woody Harrelson, interpreta il brillante quanto tormentato Rust. Rust e Marty sono due detective che indagano per ben 17 anni su un serial killer della Louisiana. L’indagine ha inizio nel 1995 e termina nel 2012, anno in cui il caso viene definitivamente risolto, dunque il racconto nella serie si struttura su archi temporali diversi. Nella serie Matthew regala una splendida interpretazione toccando l’apice della sua maturazione, iniziata nel 2011 con “The Lincoln Lawyer”. E’ molto apprezzabile, infatti, la grande differenza tra l’affascinante Rust del passato e il disilluso Rust del presente. Una prova da grande Cinema quella di McConaughey.

Paola Maria D’Agnone

Seguici su MMI e Metropolitan Cinema.

Back to top button