Cultura

Mercury Prize per Little Simz: battuto anche Harry Stiles

Con il suo “Sometimes I Might Be Introvert” Little Simz si aggiudica il Mercury Prize 2022. La regina dell’hip-hop inglese ha però dovuto cancellare il tour americano “Sono un artista indipendente, andare in tour negli Stati Uniti per un mese avrebbe creato un gran buco nelle mie finanze”. Il primo cittadino Sadiq Khan “Londra è fiera di te”

Little Simz vince il Mercury Prize 2022

Photocredit: Rollingstone.it

É la rapper inglese Little Sims ad aggiudicarsi il Mercury Prize di quest’anno. Il suo disco “Sometimes I Might Be Introvert” ha battuto campioni di ascolti come Harry Styles, Wet Leg, Jessie Buckley, Nova Twins e molti altri. Durante la premiazione il DJ Jazz Supernova “l’album che abbiamo scelto tratta temi sia personali che politici. E la musica è tanto varia quanto sofisticata”. A congratularsi con la rapper è anche il sindaco di Londra Sadiq Khan “Londra è fiera di te”.

La cantante racconta del viaggio verso il successo, in quanto artista indipendente non è stato semplice “ho avuto quest’idea di come sarebbe stato una volta che avessi avuto successo, e quando ho ottenuto un po’ di fama sono stata incredibilmente grata di avercela fatta, perché era tantissimo che ci lavoravo su. Allo stesso tempo, però, mi sono chiesta: perché a me?”. Sono proprio le difficoltà economiche legate all’essere un artista indipendente ancora agli inizi che le hanno impedito di andare in tour in America “Sono un’artista indipendente, pago di tasca mia tutto ciò che è legato alle mie performance e andare in tour negli Stati Uniti per un mese avrebbe creato un gran buco nelle mie finanze”.

Il Mercury Prize è uno dei premi più prestigiosi della discografia inglese e irlandese. Dal 1992 premia artisti da tutto il mondo, al riconoscimento si accompagna la somma di 25mila sterline. La giuria è a sua volta formata da artisti e addetti ai lavori. In passato sono stati premiati “Dummy” dei Portishead, “Screamadelica” dei Primal Scream. L’anno scorso ha vinto Arlo Parks con “Collapsed in Sunbeams“.

Francesca De Fabrizio

Seguici su Google News

Back to top button