Sport

Metthew Cherry: da giocatore NFL a vincitore agli Oscar

Dopo una carriera all’insegna della palla ovale, l’ex wide receiver Matthew Cherry ha vinto l’Oscar come miglior cortometraggio d’animazione

Il 38enne Metthew Cherry, ritiratosi dal football nel 2007, aveva subito intrapreso una carriera nel mondo dello spettacolo.

Metthew Cherry from Akron

L’Università di Akron è stato il suo primo palcoscenico, dove il WR ha avuto la possibilità di mettere in mostra tutto il proprio talento. Nel 2003 Metthew ha stabilito il record di yard corse da punt return in una stagione (305), primato tutt’ora imbattuto. Le ricezioni e le corse hanno reso il numero 2 di Akron una vera e propria star all’università dell’Ohio, attirando l’attenzione di alcune franchigie NFL. Senza trovare spazio, Cherry ha vestito le maglie di Panthers, Bengals, Jaguars e Ravens. Le poche occasioni a lui concesse, hanno portato ad un prematuro ritiro, appena tre stagioni dopo l’ingresso nel mondo “dei grandi”. Subito dopo la chiusura della propria carriera sportiva si è trasferito a Los Angeles, rincorrendo il proprio sogno di diventare produttore e regista.

Hair Love

Il discorso di Cherry dopo la premiazione agli Oscars 2020

Nella nottata degli Oscar, “Hair Love” è stato eletto come miglior cortometraggio d’animazione. Il toccante documentario scritto e diretto da Metthew Cherry, tratta l’argomento della discriminazione razziale, attraverso la storia di un papà che per la prima volta è alle prese con l’acconciatura della propria figlia. Da grande uomo di sport, nel proprio discorso di ringraziamento Metthew ha voluto dedicare il proprio premio a Kobe Bryant, augurando a tutti di avere una seconda parte di vita fantastica, proprio come lui.

Foto in copertina: Jordan Strauss/AP

Seguici su Metropolitan Magazine Italia

Back to top button