Calcio

Milan-Napoli 0-1: Diavolo battuto e raggiunto da Spalletti

Milan-Napoli, gara della 18a giornata del campionato di Serie A 21-22, consente ai partenopei di raggiungere il Milan in seconda posizione. Non convalidata una rete sul finale di Kessie per fuorigioco. La cronaca della gara.

Il primo tempo di Milan-Napoli

Entrambe le formazioni partono con un ritmo piuttosto serrato e già al 5′ minuto gli uomini di Spalletti trovano il vantaggio con Elmas, che sfrutta al meglio un’azione nata da un corner battuto da Zielinski.

Il Milan subisce la buona partenza dei partenopei, ma poi alza il proprio baricentro e al 18′ sfiora il pareggio con Ibrahimovic, il cui colpo di testa da buona posizione, manca di un nulla la porta difesa da Ospina.

Le due squadre si concedono poco spazio negli ultimi 25 metri, così che la gara spesso ristagna a centrocampo. Florenzi non è fortunato con un tiro da fuori appena superata la mezz’ora, mentre Lozano, dalla parte opposta, non è bravo a sfruttare a dovere una distrazione della difesa rossonera.

Senza altre particolari emozioni, Milan-Napoli va al riposo di metà gara con gli ospiti in vantaggio di una rete.

Il secondo tempo

Il primo spunto di cronaca della ripresa è offerto da un affondo di Kessié operato per la via centrale, che porta Ibrahimovic a concludere a rete, ma Ospina risponde ‘presente’ e si salva in angolo.

Dalla parte opposta, poco dopo, Petagna prova a colpire verso la porta rossonera da posizione defilata, ma un tempestivo intervento in tackle di Tomori, salva il Diavolo da una nuova capitolazione.

Al 61′, invece, Malcuit suggerisce in favore di Lozano nell’area avversaria, ma ancora una volta Tomori interrompe la giocata con una nuova scivolata. Pioli, a questao punto, per cambiare le sorti della gara, cerca aiuto dalla panchina, inserisce Giroud e Saelemaekers al posto di Diaz e Krunic, ma la mossa non cambia l’inerzia dell’incontro.

Giunti al 68′, tuttavia, al termine di una rapida ripartenza del Milan, Messiass cerca di entrare nel tabellino dei marcatori, ma il suo potente sinistro scoccato dal limite dell’area napoletana, non trova, seppur di poco, lo specchio della porta partenopea.

Cinque minuti più tardi ci prova Giroud di testa, ma il francese non è preciso e la palla sorvola la traversa della porta difesa da Ospina, perdendosi sul fondo. Al 77′ Petagna cerca la rete con un forte sinistro dal limite: palla alta.

All’80’ Ibrahimovic dialoga con Giroud entrando nell’area avversaria, ma Malcuit capisce tutto e manda provvidenzialmente il pallone in corner.

Tre minuti dopo il bomber svedese controlla male un propizio campanile nell’area avversaria, privandosi dellìopportunità di calciare in porta dalla corta distanza.

La spinta finale del Milan viene premiata dalla rete di Kessie dopo un’articolata azione rossonera, ma il VAR evidenzia un fuorigioco di Giroud e la rete non è convalidata.

Il Napoli si prende i tre punti e vola in seconda posizione agganciando proprio i rossoneri, che si fermano a 39 punti.

Il tabellino di Milan-Napoli

Marcatori: 5′ Elmas (N)

Milan (4-2-3-1): Maignan; Florenzi, Tomori, Romagnoli, Ballo-Touré; Tonali (78′ Bennacer), Kessié; Messiass (78′ Castillejo), Diaz (63′ Giroud), Krunic (63′ Saelemaekers); Ibrahimovic. A disp.: Tatarusanu, Mirante, Kalulu, Maldini, Bakayoko, Gabbia. All.: S. Pioli

Napoli (4-2-3-1): Ospina; Malcuit, Rrahmani, Juan Jesus, Di Lorenzo; Anguissa, Demme (53′ Lobotka); Zielinski (77′ Ounas), Lozano (77′ Politano), Elmas; Petagna (78′ Mertens). A disp.: Meret, Marfella, Ghoulam, Zanoli. All.: L. Spalletti

Arbitro: D. Massa Ammoniti: Di Lorenzo (N), Malcuit (N)

Autore: Adriano Fiorini

Articolo precedente

Seguici su:

Pagina Facebook Il calcio di Metropolitan

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia

Account Twitter Ufficiale Metropolitan Magazine Italia

Serie A

(Photo credit: SSC Napoli)

Link foto: https://www.facebook.com/SSCNapoli/photos/pcb.5093818200651713/5093818090651724/

Adv

Adriano Fiorini

"Lo sport va a cercare la paura per dominarla, la fatica per trionfarne, la difficoltà per vincerla." (cit. Pierre De Coubertin). C'è allora qualcosa di più divertente da raccontare?

Related Articles

Back to top button