Musica

Morto Riccardo Cioni, addio al mitico dj degli anni 80

Adv

Aveva sconfitto anche il Covid, Riccardo Cioni stroncato da un malore. Il deejay che ha reso indimenticabile la musica degli anni ’80 si è spento per cause ancora non chiarite. Ad annunciarlo sui social è stata la famiglia con un post su Facebook: “Strappato dai propri affetti familiari, a causa di una breve e improvvisa malattia non collegata alla recente epidemia oggi alle 12.00 è venuto a mancare Riccardo Cioni“. Aveva 66 anni.

Riccardo Cioni da basso alla consolle

La sua carriera era iniziata come bassista in Toscana, la terra dov’era nato e alla quale era profondamente legato, per poi approdare dietro i piatti della consolle. Ha fatto innamorare della musica elettronica un’intera generazione di italiani con i suoi brani, di cui il più celebrato e famoso è “In America“. Era considerato uno dei migliori deejay in Italia insieme ad Ago Presta e pochi altri, nella tecnica del mix con i dischi di vinile.

Aveva costruito il suo successo nelle grandi discoteche dell’epoca, su tutte il Green Ship di Lucca, e aveva commercializzato le sue famose “cassette”, i nastri che contenevano i live della serata, che diventarono oggetto di culto negli anni 70-80. Su di lui mise gli occhi anche la tv, fu ospite della trasmissione Discoring, e incise diversi singoli. Con lui se ne va un’epoca fatta di spensieratezza e divertimento sulla pista da ballo.

Simone Zangarelli

Seguici su

Facebook

Metropolitan Music

Instagram

Twitter

Spotify

Adv
Adv
Adv
Back to top button