Cinema

Notti Bianche del Cinema: l’edizione 2021 è dedicata a Dario Argento

Le Notti Bianche sono ideate e curate da Alice nella Città nell’ambito del progetto #soloalcinema

Adv

I film culto di Dario Argento tornano sul grande schermo: L’Accademia del Cinema Italiano – Premi David di Donatello partecipa alla grande festa delle Notti Bianche del Cinema e alla campagna #soloalcinema con uno speciale tributo al Maestro italiano del brivido. La Notte d’Argento è una maratona di cinque titoli scelti personalmente dal regista fra i suoi capolavori e i film della tradizione horror che più l’hanno ispirato.

La maratona inizierà il 2 luglio, introdotta da una speciale presentazione in video del Maestro, e proseguirà anche il 3 luglio aperta stavolta da un collegamento live con Argento, che in quei giorni sarà impegnato sul set del suo nuovo film Occhiali neri. Come tutto il programma delle Notti Bianche, anche la Notte d’Argento sarà proiettata in 70 sale di 25 diverse città in tutta Italia.

I titoli scelti da Dario Argento fra la sua filmografia sono L’uccello dalle piume di cristallo (1970), Profondo rosso (1975), Suspiria (1977) e Opera (1987), accompagnati da uno dei film che ha amato di più da spettatore, L’uomo leopardo di Jacques Tourneur (1943). «Ho scelto alcuni film che ho amato molto girare», ha detto il Maestro, mentre sul titolo del regista francese aggiunge: «L’ho visto a Parigi quando non avevo ancora cominciato a girare film e mi colpì moltissimo per lo stile, l’eleganza, le luci, le ombre. Fu un colpo di fulmine».

Un omaggio, quello della Notte d’Argento, che arriva in un momento di grande impegno per il Maestro: oltre a tornare dietro la macchina da presa, Dario Argento ha da poco debuttato come attore protagonista nel film Vortex di Gaspar Noé, che sarà presentato al Festival di Cannes.

Immagine di copertina: tio.ch

Segui Metropolitan Magazine ovunque! Ci trovi su FacebookInstagram e Twitter!

CHIARA COZZI

Adv
Adv

Chiara

Da sempre propensa a dare un'opinione su ogni cosa, l'unica strada percorribile era quella della critica cinematografica. Nel frattempo mi sono appassionata agli studi di genere e li ho applicati alle pellicole laureandomi in Teorie del Cinema. Nel tempo libero trangugio horror e variegati di musica.
Adv
Back to top button