AttualitàCronaca

Ostia, dal Governo l’app per individuare le spiagge libere

Ad Ostia ci si sta organizzando per permettere alle persone di andare in spiaggia nonostante l’emergenza Covid-19.

Il comune di Ostia ha già individuato 22 accessi alla spiaggia, ognuno dei quali avrà uno o più steward che controllerà le entrate. Una volta raggiunto il numero massimo, non sarà più possibile

La frazione di Ostia a Roma è sinonimo di mare. E proprio per questo motivo il Governo sta lavorando su un’app in grado di segnalare agli utenti la disponibilità di eventuali spazi nelle spiagge. L’opzione è considerata la più efficace per gestire i turisti che annualmente si recano in spiaggia, e si prevede una sua applicazione in tutta Italia. Insomma, al mare si potrà andare malgrado l’emergenza coronavirus.

La presentazione online

Martedì sera la Regione Lazio e la Prefettura di Roma hanno organizzato una videoconferenza per presentare i temi portanti della gestione balneare. Tra questi la gestione delle spiagge libere, le misure organizzative necessarie per i gestori delle spiagge in concessione e il distanziamento sociale. Anche i Comuni costieri della provincia, la Polizia di Stato, i Carabinieri, la Guardia di Finanza e la Capitaneria di porto hanno partecipato.

Il comune di Ostia ha già individuato 22 accessi alla costa, ognuno dei quali sarà sorvegliato da uno o più steward addetto al controllo ingressi. Se una spiaggia risulterà piena, sarà obbligatorio cambiare la proprio destinazione.

La Prefettura ha inoltre rilasciato una nota nella quale spiega dettagliatamente l’organizzazione:

“Di particolare interesse è l’iniziativa di Roma Capitale, relativa alla realizzazione di un’app che consente ai cittadini di conoscere, già prima di mettersi in viaggio, la disponibilità di spazi ancora fruibili presso le spiagge libere di Ostia. Lo strumento, ritenuto di grande utilità, è stato messo a disposizione di tutti i Comuni costieri, anche per fornire una più capillare e preventiva informazione agli utenti ed evitare affollamenti e disagi una volta giunti sul posto. È previsto un grande impegno delle Forze dell’ordine per presidiare sia i flussi verso le città di mare, anche su strade consolari ed autostrade, sia i territori dei comuni del litorale dove verranno attuati, in collaborazione con le Polizie locali, potenziati dispositivi di controllo per garantire, in sicurezza, l’ordinato avvio della stagione balneare. Capitaneria di porto e Guardia di Finanza, supportati anche dagli acqua-scooter della Polizia di Stato, vigileranno sulla sicurezza in mare”

Back to top button