Ieri sera è stato assegnato il Pallone d’Oro a Leo Messi, per l’argentino è il sesto successo, ciò significa uno in più di Cristiano Ronaldo.

La rivalità tra questi due alieni esiste, ed è sotto gli occhi di tutti, da anni. Più e più volte, sia l’argentino che il portoghese, hanno affermato che questa rivalità li ha sempre spinti a dare il meglio per superare l’altro. Parliamo di due dei più grandi giocatori (se non i più grandi) di tutti i tempi. Quest’anno il Pallone d’Oro va a Messi, i numeri di Leo sono stati superiori a quelli di Cristiano Ronaldo.

Tutto questo, però, dovrà essere (e sarà) uno stimolo per Cristiano. Conoscendo un po’ il carattere di CR7, sappiamo di certo che questo sorpasso a numero di Palloni d’Oro qualcosa gli avrà smosso dentro. Tutta rabbia da mettere in campo con la Juventus per tornare competitivo per il prossimo Pallone d’Oro. Il 2019 di Ronaldo finisce con la premiazione come Miglior Giocatore della Serie A 18/19 e la nomination nella Top 11 del nostro campionato. Il 2020 dovrà essere un anno di svolta per Cristiano alla Juventus, dopo una stagione e mezza di ambientamento è arrivata l’ora di mostrare il vero CR7.

Le ultime uscite non sono state delle migliori, forse tra le meno entusiasmanti di sempre in maglia bianconera. Sicuramente il dolore al ginocchio che si porta dietro non aiuta. Il momento clou sarà quello da Febbraio/Marzo in poi: torna la Champions League con la fase eliminatoria ed è proprio lì che Ronaldo è atteso da tutto il popolo juventino. Trascinare, da leader, la Juventus fino in fondo alla competizione sarebbe un segnale importantissimo per il prossimo Pallone d’Oro. I tifosi della Juve non aspettano altro, d’altronde è per questo che è stato comprato CR7, o no?

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DELL’AUTORE

Pagina Facebook dell’autore

Account Twitter dell’autore

Seguici su:

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia

Account Twitter ufficiale Metropolitan Magazine Italia

© RIPRODUZIONE RISERVATA