Attualità

Pelè, le figlie smentiscono: “Non sta morendo e non è a rischio”

Le figlie di Pelè Kely e Flavia Nascimento, hanno smentito le notizie secondo cui il padre sarebbe in fin di vita e verrebbe sottoposto a cure palliative, affermando che l’ex campione starebbe invece curando un’infezione polmonare legata al Covid, ma che presto tornerà a casa.

Le figlie di Pelè sulla salute del padre: “È ingiusto dire a una persona che sta morendo quando non è vero”

Pelè, le figlie smentiscono: "Non sta morendo e non è a rischio"

Arriva da due delle figlie dell’ex calciatore brasiliano la smentita alle notizie secondo cui Pelè sarebbe in pericolo di vita, non reagendo più alla chemioterapia e quindi sottoposto a cure palliative.

Domenica, Kely e Flavia Nascimento hanno deciso di parlare in quanto ritengono “ingiusto dire a una persona che sta morendo quando non è vero“: smentiscono le voci riguardanti il padre 82enne e si dicono invece fiduciose che tornerà presto a casa, dopo essersi ripreso da un’infezione polmonare legata al Covid-19.

Kely, in occasione di un’intervista televisiva al programma Fantastico sul canale Globo, ha dichiarato infatti: è malato, è anziano, ma al momento è ricoverato in ospedale per un’infezione polmonare. E quando starà meglio, tornerà a casa, aggiungendo che il padre ha contratto l’infezione tre settimane fa ma che Non sta morendo in ospedale“. La sorella Flavia spiega chiaramente: “Non è nel reparto di terapia intensiva, è in una stanza normale. Non è a rischio, è in cura“.

Le parole dell’ospedale sulle condizioni di salute dell’ex calciatore

L’ospedale “Albert Einstein“, in cui Pelè è stato ricoverato martedì scorso per una rivalutazione del suo trattamento chemioterapico riguardante il cancro al colon individuato lo scorso anno, nel bollettino medico di sabato riporta che l’ex campione “rimane stabile“, con una “buona risposta” all’infezione respiratoria; sottolineando infine che nelle ultime 24 ore “non è peggiorato, sta rispondendo bene alle cure e si trova in un letto d’ospedale normale“.

Serena Pala

Seguici su Google News

Back to top button