Cinema

“Per un pugno di dollari”, la leggenda western di Sergio Leone

Adv

Stasera Rai Movie ripropone il cult di Sergio LeonePer un pugno di dollari”. È il film capostipite degli spaghetti western che fatto conoscere in tutto il mondo tre leggende come Sergio Leone, Clint Eastwood ed Ennio Morricone. Dal 1964 è diventato un classico senza tempo.

“Quando cominciai il mio primo western dovetti trovare in me stesso una ragione psicologica, perché non avevo mai vissuto in quel tipo di ambiente. E un pensiero mi venne spontaneo: era come se fossi il burattinaio dei pupi siciliani; i loro spettacoli erano leggendari ma anche storici. Come cineasta il mio compito era quello di creare una favola per adulti, una fiaba per ragazzi cresciuti; e il mio rapporto col cinema era quello di un burattinaio con i suoi burattini.”

Cosi Sergio Leone racconta la genesi di un capolavoro come “Per un pugno di dollari”. Un film che fu una svolta importante per il grande regista italiano e lo avvicinò a quel genere che lo avrebbe reso leggenda come il western. Con un basso budget ed un allora completamente sconosciuto Clint Eastwood Leone resuscitò un genere cinematografico americano ormai in declino facendolo rinascere in Europa. Cominciò così la grande saga degli spaghetti western.

Per un pugno di dollari e la regia di Sergio Leone

Una scena del film Per un pugno di dollari

All’epoca conosciuto per i peplum, Leone si addentrò con “Per un pugno di dollari” in un genere a lui poco noto rivoluzionandolo completamente. È con il western che Leone sprigiona tutto il suo stile registico che ha fatto scuola negli anni a venire. Infatti iniziò a qui muoversi tra dettagli, primi piani e zoom che faranno la sua fortuna. A questo lungometraggio, epico e ironico allo stesso tempo, seguirono altri due cult come “Per qualche dollaro in più” e “Il buono, il brutto, il cattivo” a formare la mitica trilogia del dollaro.

Alcune curiosità sul film

“Per un pugno di dollari”, come ricordato dallo stesso Eastwood, fu il frutto di una difficile e travagliata lavorazione dovuta al basso budget disponibile. Dopo l’uscita di questa pellicola il famoso regista giapponese Akira Kurosawa intentò una famosa causa legale contro Sergio Leone e la produzione del film. “Per un pugno di dollari” può infatti essere considerato un remake non dichiarato del suo “La sfida del samurai”. Leone, infine, è molti membri della troupe e del cast del suo film si firmarono con nomi inglesi per vendere la pellicola in America. Il celebre regista italiano scelse lo pseudonimo Bob Robertson in onore del padre Vincenzo, noto come regista con il nome Roberto Roberti.

Stefano Delle Cave

Adv
Adv

Stefano Delle Cave

Stefano Delle Cave è scrittore, giornalista pubblicista e regista. Laureato magistrale in D.A.M.S. all’Università di Roma Tre. Gli articoli redatti da Stefano giornalista hanno per tema il cinema, la cultura e la società civile in genere.
Adv
Back to top button