ApprofondiNerd

Perché nei manga i personaggi femminili forti sono sempre più rari?

Sebbene Shonen Jump di Shueisha e Shonen Magazine di Kodansha non siano noti per la presenza di protagoniste femminili, quando però ci sono di, certo sono le prime a farsi vedere. Infatti quei personaggi femminili sono eccezionali, potenti e capaci quanto i protagonisti maschili. Oltre al sesso e alle abilità, queste guerriere condividono tutte un’interessante caratteristica che sembra essere presente solo nei manga shonen.

Nei manga personaggi principali femminili forti sono rare, ma quando ci sono si fanno sentire

Come dicevamo, i personaggi femminili forti nel mondo dei manga tendono a scarseggiare, ma quando ci sono, sono memorabili. E soprattutto, hanno sempre una caratteristica particolare sempre presente. Avete mai fatto caso ai capelli? Nei manga e negli anime giapponesi, infatti, i capelli sono molto più che un semplice vezzo del mangaka. Il più delle volte, il tipo, lo stile e il colore dei capelli di un personaggio sono collegati a un significato che riguarda il design o la personalità del personaggio, che il mangaka vuole esprimere senza la necessità di dichiararlo esplicitamente. Per questo motivo, i capelli di un personaggio femminile sono al pari del costume di un eroe (o super cattivo). Infatti, i “capelli da anime” sono stati una caratteristica distintiva dei manga e degli anime da cui sono nati, a partire dagli anni Sessanta.

Per questo non ci sorprende che molte delle donne più forti protagoniste negli anime e nei manga abbiano tutte i capelli rossi. Quando il mangaka vuole esprimere forza, potere e sicurezza, o che è pericoloso e appassionato, tac e i capelli diventano rossi. È un messaggio sottile che trasmette molto del personaggio. Se nei fumetti c’è bisogno di sfoggiare muscoli pronunciati, o innumerevoli vittorie alle spalle, nei manga basta semplicemente un tocco di rosso.

Volete un esempio? Beh, noi vi daremo addirittura un elenco! Si parte dai classici ai personaggi più recenti. Nami di One Piece, Kushina Uzumaki di Naruto, Asuka Langley Soryu di Neon Genesis Evangelion, Makima di Chainsaw Man, Ezra Scarlet di Fairy Tale, Mereoleona Vermillion di Black Clover, Anya Forger di Spy x Family e Suletta Mercury di Mobile Suit Gundam, solo per citarne alcuni.

Sì potere, ma il rosso potrebbe simboleggiare anche altro, ossia temerarietà. Quindi, la prossima volta che guarderete un anime, fate estremamente attenzione al colore dei capelli dei protagonisti. Vi sorprenderà.

Seguici su Google News

Arianna

Classe '93, viene adottata dalla Capitale nel 2012. La passione per la scrittura l'ha portata qui su InfoNerd. Tra anime, manga, serie tv, musica, cinema, ama tutto ciò che sia Arte.
Back to top button