Nella giornata di giovedì è venuto a mancare Pete Dye: scopriamo chi era, cos’ha creato e come ci ha regalato la buca più iconica del golf.

1925, Urbana in Ohio: una cittadina fatta di campi di grano, neve d’inverno, pioggia d’estate e orgoglio di lamentarsene ogni stagione. Se però tuo figlio ha l’asma sei costretto, a malincuore, ad andare nei lontani (quanto odiati) Stati della costa: Est od Ovest non fa differenza. Paul ed Elizabeth Dye portano il giovane Pete (il più piccolo di tre) sotto le palme della Florida: il papà gioca a golf mentre lui guarisce e s’interessa ai ferri. Più i polmoni si allargano e più i Drive si allungano fino a vincere il Golf Championship delle scuole dell’Ohio.
Il suo destino sarà un altro…

Risultati immagini per urbana ohio snow
Troppo vento e neve formano delle “Balle di neve” ad Urbana, Ohio.
Photo Credits: www.imgur.com

Pace in guerra

La sua è la generazione della leva militare ma la sorte gli riserva una Guerra vissuta dagli States, un conflitto mai tastato e che gli permette di andare a giocare il campo Pinehurst n.2, rimanendo con la mente (e spesso con le palline) in quei particolari bunker. Finita la Guerra incontra sua moglie Alice, ovviamente su un campo da golf, sposandola a 25 anni con modalità simili a suo padre: vendono entrambi assicurazioni e hanno il feticcio per le curve del golf.
Pete maneggia bene le mazze ma le traiettorie che disegna sui fogli sono meglio di quelle che traccia in campo, quindi insieme alla moglie propone il progetto per un campo a Indianapolis: si fa. La mano, è ancora acerba.

Pete Dye
Alice O’Neal (sposata con Pete Dye) costruisce uno dei primi campi con il marito
Photo Credits: Florida State Golf Association

La svolta

Si sbaglia per imparare a non commettere lo stesso errore, Pete e Alice sfatano il mito e fanno l’opposto: nel 1963 giocano più di 30 campi in Regno Unito e fotografano ogni prospettiva da cui devono tirare il colpo. Incontrano vecchie difficoltà per poterne creare di nuove, e così avviene.
Tornano a Indianapolis e da un enorme campo di grano ricavano un percorso, gli impedimenti sono tanti e Pete dal nervoso spezza un bastone su una roccia: a fine lavori il campo si chiamerà “Crooked Stick” (bastone storto).

Pete Dye e Rory McIlroy, vincitore del BMW Championship a Crooked Stick nel 2012.
Photo Credits: Florida Golf State Association

Immortalità

Quel “Bastone storto” frutta a Pete ed Alice molte commissioni e collaborazioni, da architetti famosi a Jack Nicklaus (che in realtà fa bene un po’ tutto). Una strada lunga 22 anni con buche, reali e metaforiche, paesaggi e curve: la manovra geniale arriva nel 1980. Il Commissario della PGA incarica Pete Dye di unire il fervore americano alla pacatezza del golf, il connubio si crea nel luogo che gli ha tolto l’asma ma che leverà il fiato a tutti, soprattutto alla buca 17.
Onde verdi, pozzanghere e fiumiciattoli gialli ed acqua vera, tanta, quella che non poteva vedere (ma che sarebbe servita) nel suo freddo Ohio.

Pete Dye
Pete e Alice Dye durante i lavori del TPC Sawgrass nel 1980, sede del The Players Championship.
Photo Credits: PGA Tour

La 17

Acqua sul lato destro e a sinistra si vedrà, la sabbia s’inizia a portare via ma a Pete non vengono idee. Alice allora dice “Continua a scavare”, nessuna vena o pepita d’oro trovata, solo un grande semicerchio da riempire d’ignoto: acqua. Nasce così la buca a forma d’isola del The Players Championship, la peggiore da giocare nel vento che sfida (e spesso vince) la tenuta mentale dei giocatori.

Immagine correlata
La buca 17 a forma di isola del TPC Sawgrass.
Photo Credits: Golf Digest Editorial

Pete e Alice

Due figli, due nipoti, più di 100 percorsi pensati insieme ben oltre gli 80 anni di età e l’umorismo di chi non si prende sul serio, chiamando la 18 di un loro percorso: “Winsconsin Dyebolical”. Vivranno nello Stato che ha reso tutto possibile: dal loro primo incontro al loro successo, alla loro ultima buca. Quella di Alice a 91 anni e quella di Pete l’8 gennaio 2020, al 94° colpo di tanti campi diversi, ovviamente in Florida. E tutto grazie, a quella benedetta asma.

Pete Dye
Pete e Alice Dye sono entrati nella World Golf Hall of Fame nel 2008
Photo Credits: Florida Golf State Association

Per rimanere aggiornate seguite la Nostra Pagina Facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA