Cultura

Petricore, parole dal mondo: il magico profumo della pioggia

Petricore - Photo Credits: web
Petricore – Photo Credits: web

Nel nuovo appuntamento per la rubrica Parole dal Mondo, Petricore: un termine che indica l’odore della terra inaridita al sopraggiungere della pioggia e le relative sensazioni derivanti.

Petricore, etimologia di una parola suggestiva

Un odore particolare, acre, misto ad erba terra ed acqua: l’olezzo prodotto dalle prime piogge dopo un periodo più o meno lungo di siccità. Il termine Petricore si riferisce proprio a questo. E’ proprio settembre il mese in cui, questo profumo dolciastro e pungente inizia a risvegliarsi con la prima pioggia che anticipa l’autunno. L’etimologia del termine deriva dall’inglese, petrichor: dal greco pétra – pietra – e ichór linfa o sangue degli dei. La parola fu coniata nel 1964 da due ricercatori australiani: Isabel Joy Bear e Richard G. Thomas, in seguito ad un articolo pubblicato sulla rivista Nature. Nel testo, i due ricercatori, cercarono di descrivere e svelare la composizione chimica dell’odore percepito durante l’incontro fra la terra arsa e la precipitazione atmosferica. Scoprirono che tale profumo suggestivo, giungeva da un’essenza prodotta da alcune piante nei periodi di siccità, assorbita dall’argilla presente nella terre e nelle rocce circostanti. La pioggia, cadendo, scioglie il composto oleoso facendolo diffondere nell’aria insieme ad un ulteriore composto, la geosomina, a cui si deve il caratteristico aroma percepito. Successivamente, in una pubblicazione del 1965, i due studiosi dimostrarono che l’olio ritarda la germinazione dei semi e delle piante a crescita precoce.

Una scienza poetica

Non è un caso che le atmosfere, le visioni cangianti dell’acqua argentata che scivola sulle cose, le case, le piante, l’essenza fresca che si disperde nell’aria, siano motivo di ispirazione poetica. Petricore è chimica, ma anche poesia per le sensazioni che riflette nell’animo umano ammaliato dallo scorrere dell’acqua piovana e dall’odore pungente di quest’ultima sulla terra arsa. Federico Garcìa Lorca diceva, a proposito della pioggia:

”E’ un bacio azzurro che riceve la terra, il primitivo che si rinnova”.

Negli archivi letterari molte sono le poesie, i componimenti e i testi dedicati alla pioggia e alle sue atmosfere suggestive; lapalissiano, seppur obbligatorio, ricordare La Pioggia nel Pineto di Gabriele D’Annunzio, contenuta nella raccolta di liriche Alcyone, terzo libro delle Laudi:

E immersi
noi siam nello spirto
silvestre,
d’arborea vita viventi;
e il tuo volto ebro
è molle di pioggia
come una foglia,
e le tue chiome
auliscono come
le chiare ginestre,
o creatura terrestre
che hai nome
Ermione.

Adv

Stella Grillo

Io sono ancora di quelli che credono, con Croce, che di un autore contano solo le opere. (Quando contano, naturalmente.) Perciò dati biografici non ne do, o li do falsi, o comunque cerco sempre di cambiarli da una volta all'altra. Mi chieda pure quello che vuol sapere e glielo dirò. Ma non le dirò mai la verità, di questo può star sicura. Italo Calvino

Related Articles

Back to top button