Piave, 24 maggio 1915: l’Impero Austro-Ungarico decide di sferrare un attacco sul fronte del fiume. L’esercito italiano era già provato dalla sconfitta di Caporetto. Da questo episodio storico, nel giugno 1918, nacque la famosa canzone patriottica La leggenda del Piave. Ricordando questa data storica ed i fatti del giorno.

Piave, la battaglia del Solstizio e la Prima Guerra Mondiale

Il 24 maggio 1915 l’Italia entra ufficialmente in guerra. Questo episodio storico ispirerà il maestro Ermete Giovanni Gaeta che scriverà la famosa canzone patriottica nota come La leggenda del Piave: tale composizione – dopo l’armistizio del 8 settembre 1943 – fu per un anno l’inno nazionale d’Italia. L’Impero Austro-Ungarico decide di sferrare un attacco sul fronte del fiume Piave: gli italiani erano già reduci dalla sconfitta di Caporetto. l’Episodio è noto come Battaglia del Solstizio, combattuta nel giugno 1918.

Piave, una delle prime trincee lungo l'argine destro dopo la disfatta di Caporetto - Photo Credits: wikipedia
Piave, una delle prime trincee lungo l’argine destro dopo la disfatta di Caporetto – Photo Credits: wikipedia

 L’appellativo Battaglia del Solstizio fu coniato dal poeta Gabriele d’Annunzio. Alle 3 del mattino, dopo alcuni colpi di cannone sparati contro le fortezze austriache sulla Piana di Vezzena, le truppe italiane varcano il confine con l’impero austriaco entrando ufficialmente in conflitto. Un conflitto con cui l’Italia riconquisterà le terre come il Trentino, ma che le costerà 700 mila morti.

La leggenda del Piave

La leggenda del Piave fu composta nel giugno 1918 dopo la Battaglia del Solstizio, da E. A. Mario, pseudonimo di Ermete Giovanni Gaeta .L’inno contribuì a ridare vigore e speranza alle truppe italiane, tanto che, il generale Armando Diaz inviò un telegramma all’autore sostenendo come la composizione della canzone avesse dato rinvigorimento alla truppe italiane. Musica e testo sembrano riferirsi all’incitazione di una battaglia: la struttura è colta e riflette altre canzoni di Giovanni Gaeta: fra le più note  Le rose rosse e Balocchi e profumi.

 La leggenda del Piave nel primo dopoguerra idealizza il conflitto mondiale; la sua funzione era infatti quella di far cadere nell’oblio le atrocità e le sofferenze che l’avevano caratterizzata. La curiosità che la costituisce è, come alla fine di ogni strofa, quest’ultima finisca con il termine straniero. Di seguito, le argomentazioni delle quattro strofe della canzone:

  • Marcia dell’esercito al fronte;
  • Battaglia e sconfitta di Caporetto;
  • Difesa sulle sponde del Piave;
  • Attacco finale e la vittoria.

Eventi storici del giorno

24 maggio 1626: il politico olandese Peter Minuit compra l’isola di Manhattan dagli indiani Lenape per circa 1000 dollari di oggi. America, 24 maggio 1883: il famoso ponte di Brooklyn verrà aperto al traffico, sarà per lungo tempo il ponte sospeso più grande al mondo. Mentre nel 1929 nelle sale cinematografiche americane esce Le noci di cocco, il primo film comico dei leggendari fratelli Marx. Seconda Guerra Mondiale: il 24 maggio 1943 il famigerato dottor Mengele è nominato capo ufficiale medico di Auschwitz. Due anni dopo, il 24 maggio 1945, l’ultimo comandante del campo di concentramento di Mauthausen-Gusen Zieris sarà ferito mortalmente e catturato dagli americani in seguito ad un tentativo di fuga.

© RIPRODUZIONE RISERVATA