Pim Mulier, fondatore del primo club di rugby in Olanda. La storia di un ragazzo, delle sue passioni e dei sogni da realizzare, cosi che fin da giovane si è messo in mostra nel mondo dello sport e per la sua passione per il rugby.Fondatore del primo club alla tenerà età di quattordici anni. Scrivendo un pezzo importante dello sport olandese e non solo.

Pim Mulier, una vita dedicata allo sport

Figlio del sindaco della provincia olandese della Frisia, Pim Mulier nasce il 10 marzo del 1865 e viene mandato nel college dove già studiava il fratello maggiore, a Noordwijk, proprio in questo college entra in contatto con alcuni ragazzi inglesi, i quali si dilettavano a giocare a rugby e calcio.

Sport di cui ben presto Pim s’innamora cercando di imitare quei ragazzi e capirne le regole. Cosi alla tenera età di 14 anni decide di fondare il suo primo club, insieme ad atri amici dedicato proprio al mondo della palla ovale; il Koninklijke HFC, squadra fondata nel 1879.

Il Club, ancora oggi esistente, con sede ad Harleem è il club più antico dei Paesi Bassi, anche se poco dopo la sua fondazione la squadra non si dedica più al rugby ma si riconverte alla pratica di un altro sport, il calcio. sport che praticano ancora oggi.

La nazionale olandese con le classiche maglie orange – credit: Pagina ufficiale federazione olandese

Non solo rugby

Pim Mulier fu un vero e proprio visionario dello sport olandese. Amante di ogni tipo di sport sempre da giovane comincia ad organizzare le prime gare nazionali di atletica leggera. Fonda nel 1989 la Nederlandsche Voetbal- en Athletische Bond, associazione olandese di calcio e atletica.

Dal rugby all’Hockey, passando per il bandy eletto suo sport preferito. Mulier pratica e favorisce la crescita di tutti gli sport. Principale l’idea dell’ Elfstedentocht, una corsa sui pattini attraversando le undici città della Frisia, percorrendo ben 200 km. Un evento che ancora oggi entusiasma migliaia di olandesi.

Il rugby in Olanda

In Olanda il rugby è molto apprezzato e conosciuto, anche se con poca visibilità rispetto agli altri sport. Come abbiamo detto è presente da moltissimi anni questo sport, con la fondazione del primo club nel lontano 1879 da parte di Pim Mulier.

La federazione nasce però solo nel 1932 e sin da subito si mette in opera per collaborare alla fondazione della Rugby Europe. Al momento la nazionale maschile occupa il 24° posto del ranking mondiale e partecipa al Rugby Europe Trophy, terzo campionato per nazionali europeo, di cui ne è fresca vincitrice, ottenendo cosi la promozione al campionato internazionale Rugby Europe.

La federazione olandese ha anche un altro importante primato. Nel 1982 è stata la prima nazione, insieme alla Francia a costituire una squadra femminile per questa disciplina.

Cosi il 13 giugno 1982 Francia e Olanda disputano per la prima volta una partita di rugby femminile tra due nazionali. Dando un impulso importante alla crescita di questo movimento.

Pim Mulier
Foto di Pim Mulier – credit: non.nl

Grazie al contributo di Pim Mulier, il rugby in Olanda ha avuto una diffusione rapida sopratutto negli primi anni dello scorso secolo. Il professore olandese muore all’età di 89 anni a l’Aja lasciando un grande contributo allo sport olandese e non solo.

Continua a seguire il rugby sulle pagine di Metropolitan Magazine

© RIPRODUZIONE RISERVATA