Il ciclo Pirlo è partito con il botto: poche ore dopo l’annuncio abbiamo già il primo giocatore della Juventus che non farà parte della rosa per la stagione 20/21. Stiamo parlando di Blaise Matuidi, il francese ha raggiunto un accordo con Inter Miami (società di David Beckham in MLS), ha già svolto le visite mediche a Parigi nella giornata di ieri e aspetta solo l’ufficialità dell’accordo per partire alla volta della Florida. La Juventus non riceverà soldi per il cartellino, ma vendendo Matuidi si libera di uno di quegli ingaggi pesanti (3.5 milioni, 6.1 lordi a stagione) che stanno mettendo in difficoltà la Juventus e il suo bilancio.

Juventus: l’abito vecchio non piace più alla “Signora”

La parola d’ordine è svecchiamento. Come riporta SkySport, nella giornata di ieri Andrea Pirlo avrebbe chiamato tutti i giocatori che non rientrano nel suo progetto tecnico: tra questi sicuramente Khedira e Higuain, entrambi (salvo clamorose sorprese) lasceranno la Juventus dopo una risoluzione consensuale del contratto. Quelli del tedesco e dell’argentino sono ingaggi pesantissimi, rispettivamente 6 milioni per Sami Khedira e 7.5 per Gonzalo Higuain. La Juventus sarebbe disposta a pagare una buonuscita, facendo anche minusvalenza, pur di togliersi dal groppone circa 24 milioni lordi annui per due giocatori che hanno dato pochissimo alla Juventus nell’ultima stagione.

Juventus FC via Getty Images

Altri possibili partenti sono De Sciglio, Rugani, Douglas Costa e Bernardeschi. Gli ultimi due sono quelli con i quali la Juventus riuscirebbe a monetizzare di più. Oltre questi però si ha la sensazione che, a parte Szczesny, de Ligt, Demiral, Bentancur, Dybala e Ronaldo tutto il resto della rosa è cedibile o può essere inserito come pedina di scambio per qualsiasi trattativa.

Le parole del Presidente Agnelli post eliminazione in Champions sono state chiare: bisogna ringiovanire la rosa e alleggerire il tetto ingaggi. I primi due colpi KulusevskiArthur e le cessioni programmate di MatuidiKhediraHiguain vanno proprio in quella direzione.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DELL’AUTORE

Pagina Facebook dell’autore

Account Twitter dell’autore

Seguici su:

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia

© RIPRODUZIONE RISERVATA