Motomondiale

Pol Espargarò morde Honda: parole pesanti dello spagnolo

Non è stato contento nella sua avventura in Honda e adesso può dirlo senza problemi. Pol Espargarò è passato in KTM con la GasGas Tech3 nella stagione 2023 che ancora non è iniziata, ma già promette scintille di ogni genere. Lo spagnolo ha detto, senza mezzi termini, che la sua parentesi con il Costruttore giapponese è stata la peggiore della sua carriera.

Le dichiarazioni di Pol Espargarò su Honda dopo il passaggio in KTM

Pol Espargarò morde Honda: parole pesanti dello spagnolo
(Photo credits: MotoGP)

A Valencia è stata la prima volta che ho provato l’abbassatore posteriore per loro, che ora è una cosa importante, quindi nell’ultima gara ho provato il dispositivo posteriore per loro e li ho aiutati a migliorarlo. Sono modi diversi di lavorare. Credo che quello che sto lasciando sia sbagliato, lo penso davvero, ma è il loro modo di fare le cose. Non sono nessuno per dire loro come fare le cose, sono solo un pilota che va in moto, tutto qui. È difficile da accettare, ma non è il mio marchio, non è la mia moto, sono solo un ragazzo che pagano per guidare una moto, tutto qui. Faccio quello che vogliono loro. Di sicuro non mi piace, e mi sembra che abbiano sprecato il loro tempo e i loro soldi con me, perché avrei potuto essere motivato e a pieno regime, fare risultati e godermi di più le cose. Ma alla fine, non so se non lo fanno perché non vogliono o perché non possono, quindi questo è il punto in cui mi trovo ora. Ho sentito di essere un pilota Honda per un anno. Quest’anno è stato completamente ridondante, con gli stessi problemi ogni singolo fine settimana, ogni gara, e davvero in difficoltà“.

“I due anni più difficili della mia carriera”

Quando sei in difficoltà, normalmente è il modo per trovare una soluzione. Non tutti i piloti hanno lo stesso stile di guida e quindi bisogna adattare la moto a ciascun pilota, questo è il modo per migliorare, ma non è stato così. Quindi sono triste per questa situazione perché penso di avere un enorme potenziale. Sono stato uno dei migliori nella pre-stagione e anche in Qatar, ma da lì i risultati sono iniziati a calare perché sono comparsi dei normali problemi. Questa è la MotoGP, non è mai la stessa cosa. Bisogna continuare a migliorare e a fare cose per essere migliori, ma noi non l’abbiamo fatto. Beh, io non l’ho fatto, nel mio lato del box. Posso dire che questi due anni sono stati i più difficili della mia carriera sportiva, perché non è la stessa cosa ottenere risultati negativi indossando colori normali su una moto normale“.

(Photo credit: MotoGP)

Seguici su Google News

Back to top button