Pordenone: è festa! Entella, è dramma!

Foto dell'autore

Di Redazione Metropolitan

Destini diversi per le capoliste dei gironi A e B della nostra terza serie!

Se nell’acquitrino dell’Ottavio Bottecchia di Pordenone i neroverdi superando 3-1 il Giana Erminio si sono garantiti la promozione, a Chiavari è dramma!

Nel girone A solo il maltempo ha fatto temere il Pordenone

di essere costretto a rinviare la festa. La parita è stata infatti sospesa a inizio ripresa per diversi minuti. Poi però si è potuto proseguire regolarmente e la gioia dei sostenitori friulani si è scatenata. Per loro e la squadra prima storica partecipazione alla B nel prossimo campionato.

I timori della tifoseria sono ora legati alle voci di un trasferimento di tutto il carrozzone ha Treviso, fuori regione e in una città rivale proprio nel momento del massimo fulgore sportivo di Pordenone. Ci auguriamo non sarà così e che i tifosi possano continuare a seguire i loro beniamini tra le mura del Bottecchia.

Intanto a Chiavari si sta consumendo un vero dramma. All’ Entella la B è stata scippata con la Federazione che ha ignorato la decisione del TAS del CONI che l’aveva loro riconosciuta. Successivamente i liguri hanno dovuto inseguire tutta la stagione per via delle numerose partite rinviate a inizio campionato. Giocando sempre due volte la settimana hanno sì recuperato la vetta della classifica ma speso energie importanti.

E così a fine stagione il Piacenza si è rifatto sotto

fino a vincere 2-1 lo scontro diretto proprio nell’ultimo recupero del girone di andatata e prendere il comando con due punti di vantaggio. Sabato invece gli emiliani hanno stentato, andando in svantaggio due volte con l’Olbia. Hanno però recuperato la vittoria nel finale con una doppietta di Terrani, conservando il vantaggio sull’Entella che è passata 0-2 ad Alessandria con la Juventus B. Domenica Entella-Carrarese e Siena-Piacenza decideranno la promozione diretta. A Chiavari però son già quasi sicuri che si ripartirà da capo nei playoff.

Credit Foto: Pagina Facebook AC Pordenone.

I commenti sono chiusi.