CinemaMovieNerd

“Post Scriptum”, uno sguardo ottimista dalla fine del mondo con Barbascura X

Che ne sarà di questo 2020 una volta passato? Come lo ricorderemo noi, cosa racconteranno i libri di storia, come influirà sul nostro futuro? Sono domande che chiunque almeno una volta in questo periodo di pandemia si è posto. Iniziano ad essere sempre più comuni film e documentari sul lockdown. C’è chi decide di affrontare l’argomento con leggerezza per riderci su, lasciando però nient’altro che amarezza in tutti coloro che si sono visti strappare qualcuno dal Coronavirus. O chi invece vuole trasmettere la realtà di questa emergenza sanitaria, diffondendo seppur con buone intenzioni una speranza malinconica che oscura il futuro. Manca l’ottimismo dietro l’orrore.

Post Scriptum potrebbe essere la risposta giusta ad un argomento difficile da trattare, ma che è fondamentale trasmettere e narrare. P.S. – Uno sguardo ottimista dalla fine del mondo è un progetto multimediale di genere docu-fiction che racconta l’Italia che reagisce alle sfide dell’emergenza sanitaria. Quattro storie ambientate nel nostro critico presente ma raccontate da un futuro immaginario. Voce narrante e protagonista dello storytelling sarà Barbascura X, noto divulgatore del web, che racconterà il 2020 con uno sguardo ottimista e la sensibilità tipica che unisce comedy e divulgazione, “marchio di fabbrica” di uno dei più brillanti talenti di YouTube (e non solo) in circolazione.

Post Scriptum – Uno sguardo ottimista dalla fine del mondo

Diretto dalla coppia di filmmaker Elena Beatrice e Daniele Lince, il progetto è prodotto dalla torinese Grey Ladder Production e distribuito in esclusiva da Infinity TV. Post Scriptum ruota intorno a quattro storie semplici e dirette. Quattro storie che raccontano sfide quotidiane, personali e collettive di italiani che hanno vissuto una situazione unica nel periodo di lockdown, ma ne sono usciti arricchiti, rafforzati e con una rinnovata visione orientata al futuro.

L’avventura di un misterioso Archivista (Barbascura X), archeologo del futuro, farà da fil rouge e da cornice alle quattro storie. Nel suo viaggio, l’Archivista ritroverà frammenti di un passato ormai dimenticato, entrerà in contatto con le tracce della vita di una volta. Contributi video, brevi storie personali custodite da smartphone decrepiti, mangianastri con registrazioni logorate, fotografie, disegni stilizzati. Il retaggio della nostra memoria in questo momento storico. Quattro storie realmente avvenute che saranno raccontate con uno stile sobrio e aspirazionale ed un taglio al tempo stesso documentaristico ma sperimentale.

Barbascura X, divulgatore, performer, scrittore e youtuber - Photo Credits: FantaExpo
Barbascura X: divulgatore, performer, scrittore e youtuber – Photo Credits: FantaExpo

Raccontare il reale tramite il fantastico

Post Scriptum farà uso del genere di fantascienza per descrivere la nostra quotidianità, le esperienze che abbiamo vissuto e che stiamo vivendo in questa fase storica. Attraverso una cornice sci-fi racconterà l’emergenza sanitaria e le risposte della popolazione a questo momento critico dando allo spettatore gli strumenti per immedesimersi in un uomo proveniente dal futuro, o forse uno dei futuri possibili. In P.S. non ci saranno astronavi, macchine volanti, robot e città futuristiche. Il futuro sarà rappresentato in modo semplice, minimal e stilizzato ma ricco di atmosfere. Il 2020 diventerà un tesoro da (ri)scoprire e da raccontare al meglio, per apprendere le lezioni che può darci. E che non è ancora troppo tardi per imparare e mettere in pratica.

La campagna di crowdfunding

In collaborazione con Infinity Lab e Produzioni dal Basso, Grey Ladder ha progettato una campagna di raccolta fondi indirizzata al completamento del budget per la produzione, così come orientata al sostegno di un ente benefico che riceverà una quota della campagna di fundraising.

Post Scriptum non vuole solo raccontare il presente e il futuro, ma partecipare attivamente ad iniziative solidali che abbiano un legame con l’attuale emergenza sanitaria.

L’ente benefico selezionato come partner del progetto è l’associazione Terra e Pace di Torino, promotore dell’iniziativa Madri di Quartiere: donne al servizio della comunità. Il progetto favorisce benessere, integrazione e coesione sociale con la mission di costruire team di lavoro autonomi per ogni quartiere in cui si opera, e offrire diversi servizi sul territorio con un intervento orientato all’empowerment e non al semplice assistenzialismo. L’iniziativa Madri di Quartiere sarà più di un semplice partner per il fundraising. Sarà presente anche narrativamente all’interno della docu-fiction come protagonista di una delle quattro storie che saranno raccontate.

Ogni contributo al progetto avrà una ricaduta anche sull’associazione e sull’iniziativa delle Madri di Quartiere, per non fare semplice comunicazione ma impegnarsi da subito nel cambiamento. Post Scriptum – Uno sguardo ottimista alla fine del mondo è online su Produzioni dal Basso, all’interno della call promossa da Infinity Lab. È possibile prendere parte al crowdfunding sul sito internet per permettere a questo progetto di ottenere gli strumenti per concludere tutte le fasi di produzioni, valorizzando in questo modo al massimo le risorse e i talenti già impegnati nella realizzazione della docu-fiction.

Continua a seguire la redazione di Cinema e tutto Metropolitan Magazine e resta in contatto con noi su Facebook ed Instagram!

Articolo a cura di Eleonora Chionni

Adv
Pulsante per tornare all'inizio