Come si sono comportate le squadre nell’ultimo turno?

Premier League: il gol di tacco di Gray per il vantaggio del Watford
Il gol di tacco di Gray per il vantaggio del Watford
(Credits to: theguardian.com)

La dodicesima giornata di Premier League si è aperta con lo scontro del venerdì sera tra Norwich e Watford. Nonostante il dominio statistico dei padroni di casa, gli Hornets sono riusciti a mantenere la porta inviolata e grazie ad una rete per tempo, hanno portato a casa la prima vittoria stagionale.

Premier League: londinesi in caduta libera

Nel ricco sabato di Premier League sono inciampate un’altra volta le squadre della capitale inglese. West Ham, Arsenal e Tottenham non sembrano vedere la fine della lunga e triste serie di risultati negativi e i rispettivi allenatori sono, ora più che mai, a rischio esonero.

Premier League: tutta la grinta di Vardy dopo la rete dell'1 a 0
Tutta la grinta di Vardy dopo la rete dell’1 a 0. L’inglese è ora capocannoniere della Premier League con 11 gol
(Credits to: goal.com)

Gli Hammers hanno collezionato solo un punto nelle ultime 5 gare e la sonora sconfitta per 3 a 0 subita dal Burnley è l’apice del momento di crisi della squadra di Pellegrini. I Gunners erano attesi dal difficile scontro con il Leicester ma, dopo un primo tempo combattuto, sono crollati psicofisicamente e hanno incassato due reti sulle mortifere ripartenze delle Foxes e la vittoria manca ormai da oltre un mese. Gli Spurs sono gli unici ad aver guadagnato un punto, anche se, passati in vantaggio dopo una rete annullata in maniera dubbia allo Sheffield, si sono fatti rimontare in casa per l’1 a 1 finale e sono ora al quattordicesimo posto in Premier League.

Premier League: le altre del sabato

Premier League: l'esultanza di Abraham per l'ennesimo gol in Premier League
L’esultanza di Abraham per l’ennesimo gol in Premier League: ora il gioiello dei Blues è in doppia cifra
(Credits to: mirror.co.uk)

Vince invece l’altra grande di Londra, il Chelsea, che nel derby con il Crystal Palace conferma ciò che di buono Lampard e il suo gruppo di giovani, ormai alla quinta vittoria di fila, stanno costruendo dimostrando un dominio assoluto per tutti i 90 minuti e guadagnandosi il terzo posto grazie ad un 2 a 0 arrivato tutto nella ripresa.

Vittoria interna anche per il Newcastle che con un 2 a 1 in rimonta ha la meglio su un buon Bournemouth e riesce a staccarsi di 7 punti dalla zona retrocessione. Stesso risultato, anche se fuori casa, per l’Everton che a Southampton passa subito in vantaggio, ma si fa recuperare, salvo far partire subito l’assedio, concretizzando poi al 75′.

Premier League: successi interni domenicali

Premier League: La gioia del duo Martial-Rashford dopo aver confezionato il terzo gol
La gioia del duo Martial-Rashford dopo aver confezionato il terzo gol. La rincorsa dello United ad un posto in Champions League dovrà necessariamente passare da loro

Nella prima partita del “Sunday Football” della Premier League, il Manchester United, torna con merito alla vittoria (Per vedere cos’è successo nel turno precedente, clicca qui): bel 3 a 1 sul Brighton che può far affrontare a Solskjaer la sosta per le nazionali con più serenità. Ritorno al successo, dopo 3 pareggi consecutivi, anche per il Wolverhampton che ha la meglio sull’Aston Villa grazie a due eurogol che rendono inutile il tentativo di rimonta in extremis dei Villans.

Premier League: il colpo di testa di Mané che ha messo virtualmente la parola fine sulla partita
Il colpo di testa di Mané che ha messo virtualmente la parola fine sulla partita
(Credits to: newsmondo.it)

Nel Big Match del turno si affrontavano Liverpool e Manchester City, rispettivamente prima e seconda in classifica e la gara non ha disatteso le aspettative. Pronti, via e viene negato un rigore al City per un fallo di mano in area e il Liverpool segna sulla ripartenza. Sempre in contropiede arriva il 2 a 0 firmato Salah, con i Reds che decidono quindi di provare a gestire la gara. I ragazzi di Guardiola spingono, ma a inizio ripresa, su un altro ribaltamento Mané insacca il 3 a 0, chiudendo i conti, con il gol nel finale dei campioni in carica che risulta così inutile ai fini del risultato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA