Cinema

Prometheus, Ridley Scott unisce horror e fantascienza

Questa sera alle ore 21:20, su Rai 4, andrà in onda il film Prometheus, il prequel diretto da Ridley Scott con Michael Fassbender e Charlize Theron, sulle origini dello spaventoso e amatissimo Alien.

A seguire Rai 4 trasmetterà anche Alien – The Director’s Cut la pellicola del 1979 firmata dallo stesso Ridley Scott che ci fa immergere nel mondo fantascientifico raccontando la storia dell’astronave Nostromo che esplorando, si imbatte in una nave spaziale abbandonata dove compare un essere mostruoso che semina il terrore nell’equipaggio. Delle sette persone che lo compongono resta alla fine solo Ripley e il suo gatto: sarà lei a ributtare la creatura nel vuoto dello spazio e a ritornare sana e salva sulla Terra.

Alien the director's cut fonte:www.rottentomatoes.com

Trama del film Prometheus

Un’astronave chiamata Prometheus composta da Elizabeth Shaw (Noomi Rapace) e Charlie Holloway (Logan Marshall-Green), sotto l’autorità di Meredith Vickers (Charlize Theron), parte diretta verso LV-223, una delle lune del gigante gassoso Calpamos. La spedizione è mossa dalla scoperta di un gruppo di archeologi di una mappa dipinta chissà quando da uomini del neolitico, simile ad altre trovate in parti del mondo assolutamente lontane da Skye.

Prometheus fonte: www.studiodaily.com

Gli scienziati hanno il sospetto che il genere umano abbia una genesi extra-terrestre. La mappa non è precisa ma dipinge in ogni caso un Cosmo nel qual proprio Calpamos ha in comune con le altre mappature una posizione stellare ben precisa. L’equipaggio viaggia in stato d’ibernazione, ma, poco prima dell’arrivo sul pianeta, l’androide David 8 (Micheal Fassbeneder), sveglia i componenti dell’equipaggio rilevando strutture aliene, con cui è assolutamente vietato entrare in contatto. coprono cadaveri di giganteschi extraterrestri che fanno intuire l’estinzione degli Ingegneri. Cercando di scoprirne le cause, il gruppo si imbatte in alcuni cilindri di pietra dai quali fuoriesce uno strano liquido nero, in grado di mutare, a loro insaputa, tutto ciò che tocca.

Prometheus fonte: hd-bluray-rezensionen.net

Mentre i membri Millburn e Fifield, rimasti soli nella struttura, entrano in contatto con il liquido, Holloway senza saperlo lo ingerisce. Quando realizza di essere diventato letale per i suoi compagni, è ormai troppo tardi: Shaw, che aveva avuto un rapporto sessuale con lui, scopre di portare in grembo una creatura non umana. È solo l’inizio di un incubo…

Prometheus fonte: film-cinema.com

Curiosità sul film

Il regista britannico Ridley Scott è uno tra i pochi in grado di dirigere un film in chiave apocalittica visti i suoi precedenti dietro le cineprese con i ‘masterpiece’ del film fantascientifici, ma visti in chiave distopica e apocalittica, come l’indmenticabile Blade Runner, Alien e Alien Covenant. Il regista ha anche stupito il mondo con molte pellicole amatissime come Il gladiatore, Soldato Jane e Black Rain – Pioggia sporca.

Prometheus fonte: the artifice.com

Ridley Scott ha unito l’horror alla fantascienza mettendo in scena grandi creature mostruose in grado di entrare nell’immaginazione collettiva. Tutto questo è stato reso possibile dall’incredibile gruppo scelto dal regista e dal produttore per la realizzazione del film. Uno fra tutti è stato il make up artist di Naomi Rapace, che in un’intervista, ha dichiarato di essersi stupito dalle richieste del regista e degli stessi attori in quanto:

“Di solito gli attori chiedono di essere più belli possibile, e invece lei chiedeva che fossero aggiunti più sangue e sudore, oltre che polvere”

Prometheus fonte: geek.com
Prometheus
fonte: geek.com

La stessa Naomi Rapace ha rivelato che ci sono stati momenti in cui non riusciva a scrollarsi da dosso le scene più disturbanti che aveva dovuto interpretare:

“Non ho mai sentito di dover trascinare qualcosa di pesante sulle mie spalle, e sono stata felice di aver fatto questo film. Nonostante questo a volte mi è capitato di tornare a casa sconvolta, perchè girare alcune scene è stato difficile. Ho anche avuto gli incubi per due settimane, avevo queste immagini strane nella mia testa… quindi direi che il film in qualche modo ci ha condizionati un po’ tutti.”

Continua a seguirci su MMI e Il Cinema di Metropolitan

Adv
Adv
Adv
Back to top button