Games

PS5 e PS5 Pro Rumor, saranno in abbonamento come gli smartphone?

A parte che per qualche “cugggino” che vive convenientemente in America o in Giappone, quelli che si susseguono riguardo PS5 e PS5 Pro sono solo rumor. Dicerie, ipotesi e ricostruzioni basate sulla poca carne messa sulla griglia da Sony, che proprio non ci tiene a far sapere, per il momento, di più sulla sua console. Forse anche perché non sia possibile ricollegare il big reveal con l’emergenze mondiale Coronavirus? Forse. Fatto sta, che sembra ancora lontano il momento in cui potremo anche solo vedere una delle due.

Il rumor/sogno di oggi è stato gentilmente offerto dalla redazione dell’International Business Time, dopo che da Sony parrebbe essere sfuggita un’indiscrezione: esisteranno (forse) due modelli di PS5, distanziati nel tempo da una release diversificata. Da qui, il pensiero, del tutto sensato: cosa accadrebbe se Sony si appropriasse di un modus operandi già collaudato in altri settori, come quello della telefonia mobile? Come sarebbe una PS5 in abbonamento?

PS5 e PS5 Pro Rumor
Photo Credit: Web

PS5 e PS5 Pro Rumor, un servizio di abbonamento per upgrade?

Chiariamo: non un abbonamento come quelli già circolanti ora, per giocare online. Bensì un servizio di abbonamento che consentirebbe di portare a casa propria la console base, PS5. Salvo poi upgradare alla Pro semplicemente continuando a pagare il suddetto abbonamento. Senza sborsare, in breve, una cifra esorbitante subito per avere la console. Ovvero un pagamento a rate per un servizio che include un hardware. Questa la notizia che rimbalza ultimamente, che, se fosse vera, cambierebbe di certo il mondo del gaming su console. O forse no, ma fa cool dirlo, quindi, perché no. Non volendo essere nè scettici nè sensazionalisti, ci limitiamo a fornire una panoramica ipotetica. Cosa potrebbe succedere se Sony stesse davvero lavorando a qualcosa del genere?

Una PlayStation in abbonamento

Avete mai acquistato un abbonamento telefonico con allegato uno smartphone? Si va dal gestore, si seleziona l’offerta, composta da un pacchetto che comprende, quindi, un servizio. Non uno smartphone, ma minuti, sms e giga, che diventerebbero PS Plus, PS Now e chissà cos’altro per Sony. Ripetiamo, sempre ipoteticamente: al momento non esiste nessuna conferma ufficiale. Ma anche nessuna smentita (occhiolino). E poi? Poi dopo la firma sul contratto, al costo di un tot al mese, in base al servizio scelto, il gestore vi fornisce anche uno smartphone, gratuitamente. O pagando una tantum di molto inferiore al costo base dello smartphone. Se lo smartphone diventa obsoleto, nessun problema: potete tornare dal gestore e cambiarlo. Non sempre, attenzione: non accalcatevi attorno ai vari negozi ora (anche perché rischiate grosso in questi giorni). Solo se l’offerta lo specifica.

PS5 e PS5 Pro Rumor
Photo Credit: Web

Tornando a PS5 e PS5 pro, quindi, immaginate di poter pagare, che so, 30 euro al mese per avere: PS Plus, PS Now e una PS5 basic, che, quando uscirà la Pro, potete cambiare con una PS5 Pro. E perchè no, se dovesse uscire una PS6, chi vieterebbe a Sony di far procedere il tutto alla next-next gen? Di console in console, il vostro abbonamento resterebbe fisso, ma la vostra console, inclusa nel pacchetto, verrebbe aggiornata di volta in volta senza farvi spendere nulla in più. Bello vero? Nostro cugggino ancora non risponde ai messaggi: speriamo non sia in quarantena. Facciamo così: appena ci dirà qualcosa in più, sarete i primi a saperlo.

Lorenzo Mango

Appassionato di Cinema e Serie TV, di libri e di fumetti, di video e di videogiochi. Di avventure, si può dire riassumendo. Non ama molto dormire, ma a volte lo costringono. Del resto, gli servirebbero delle "vite extra" per seguire tutti i suoi hobby e interessi. Intanto, fa quel che può con quella che ha: scrive, disegna, registra video, ogni tanto mangia. A tal proposito, potrebbe sopravvivere mangiando solo pizza. Se serve, anche pizza estera, quando viaggia. Sì, anche quella con sopra l'ananas.
Back to top button