Abbastanza mediocre e pleonastico. Serenamente trascurabile, se non per una singolare curiosità. Quello che veramente importa è un film spagnolo del 2017 diretto da Paco Arango.

Che cos’è la Dynamo Camp

Quello che veramente importa PhotoCredit: dal web
Quello che veramente importa PhotoCredit: dal web

La cosa veramente importante di questo film (perché c’è? -direte- Aspettate! Posso spiegare!). Dicevo: la cosa veramente importante di questo film è la decisione del regista di devolvere l’intero incasso dei proventi alla Dynamo Camp ( un camp di Terapia Ricreativa, primo in Italia, che ospita bambini e ragazzi malati e le loro famiglie per periodi di vacanza e divertimento). Paco Arango, sceneggiatore, regista e produttore del film (personaggio altamente multitasking) dona il 100% dei benefici ottenuti a questa bellissima organizzazione no-profit. Insomma, andiamo oltre il valore estetico del film, concentriamoci sul valore sociale, di gran lunga più importante.

Trama del film Quello che veramente importa

Il protagonista è l’ingelese Alec Bailey (interpretato dall’attore di Grey’s Anatomy Oliver Jackson-Cohen), un ragazzo che, di mestiere, aggiusta apparecchi elettronici e che , di tanto in tanto, si concede qualche avventura erotica con le sue clienti. Un giorno, mentre cerca di capire come sfuggire ad alcuni creditori, viene convocato da un uomo che scopre essere un suo lontano zio, Raymond Heacock. Raymond gli propone di ripagare tutti i suoi debiti, ma, in cambio, Alec dovrà trasferirsi in Nuova Scozia. (Perché?) Alec, trasferitosi, si rende conto che gli abitanti del posto lo credono un guaritore e viene costretto ad interpretare il suo nuovo ruolo di ‘sciamano’ del posto.

Una commedia romantica, leggera e dai toni pastello. Non dobbiamo aspettarci molto dalla visione di questo film, che è stato prodotto per adempiere a un solo scopo: quello di contenitore per una campagna di fundraising. A volte dimentichiamo quanto sia importante il ruolo ‘sociale’ di un film. La potenzialità di un film non dipende solo dalla sua capacità di imprimersi per sempre nel muro dei capolavori del cinema, anche l’intento nobile ha una sua sottile e nobilissima importanza. Per questo, non lo casserei con troppa spregevolezza.

Seguici su MMI e Il cinema di Metropolitan

© RIPRODUZIONE RISERVATA