Rebic: l’eroe rossonero che nessuno si aspettava

Rebic oggi ha spaccato la partita, riuscendo prima a segnare il gol dell’1-1 e poi in seguito a siglare il gol vittoria del 3-2 milanista nei confronti dell’Udinese capace di mettere in difficoltà i rossoneri. Adesso il croato cerca il posto da titolare e per il Milan è una manna dal cielo.

UNA VITTORIA IMPORTANTISSIMA

Rebic ha portato al Milan 3 punti fondamentali per la classifica e per il morale: grazie a questa vittoria il Milan si avvicina alla zona Europa e scaccia via i dubbi sul suo ritorno in carreggiata. Questo 3-2 all’Udinese mostra il volto di un Milan cambiato soprattutto dal punto di vista mentale, mai arreso e sempre pronto a vincere la partita. Molti parlano di “effetto Ibra”, ma parlare solamente di questo sarebbe ingrato nei confronti dei rossoneri.

Oltre alla grande prova di Ante Rebic, da segnalare è il continuo progresso di Samu Castillejo: esterno in questo nuovo 4-4-2 di matrice pioliana, lo spagnolo ha fatto notare grinta, tecnica, velocità e qualità da vendere; adesso il suo posto da titolare è fuori da ogni dubbio, con Suso destinato alla panchina, e forse ad una cessione indolore. Applausi per Ante Rebic, entrato nel secondo tempo con voglia e rabbia, è riuscito a pareggiare una partita che fino a quel momento sembrava irrecuperabile, oltre ad una fisicità ed un cambio passo decisivi. La gloria al 93′ è tutta per lui, con un gol da attaccante vero che lo rilancia nelle gerarchie di un Diavolo ritrovato.

Nota di merito per Theo Hernandez, ormai sempre più bomber del diavolo, capace di un gol fuori da comune: dopo una respinta su calcio d’angolo tira fuori dal cilindro un tiro al volo da campione. Da aggiungerci al suo meraviglioso gol ci sono altri elementi di Theo, come la sua grande fisicità , velocità, resistenza e dribling, è dunque in continua crescita, complimenti Theo.

Rebic
Rebic, eroe di questa giornata. (Getty Images)

TROPPI GOL SUBITI

La partita di oggi ha anche sengnalato delle grosse falle nella difesa milanista, che oggi ha subito due gol e richiato di prenderne altri se non ci fosse stato un grande Gigio Donnarumma tra i pali. E’ vero, il primo gol è da imputare totalmente al portiere italiano, ma per il resto della partita è riuscito in interventi da campione, che hanno salvato il Milan da una sconfitta. Sul secondo gol la difesa del Milan è disposta male, con Conti decisamente a vuoto sulla marcatura su Lasagna, che ha potuto comodamente siglare il 2-2.

L’Udinese ha messo in grossa difficoltà i giocatori di Pioli, e sicuramente meritava qualcosa in più rispetto al bottino vuoto ricevuto dalla trasferta di San Siro. I difensori bianconeri sono riusciti a chiudere al meglio Ibra, che non ha trovato spazi, riuscendo a colpire ed a essere pericolosi nelle ripartenze. Vanno dunque fatti i complimenti alla squadra di Gotti, che farà sicuramente un ottimo girone di ritorno.

Milan
Pioli, allenatore del Milan (Getty Images)

Nella prossima partita il Milan andrà a Brescia, per poter riuscire a riavvinarsi ad un’Europa fino a qualche settimana fa insperata. Adesso il Milan è un’altra squadra, e la vittoria di oggi potrebbe essere decisiva per il presente ed il futuro.

Per altre notizie: http://metropolitanmagazine.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA