Esteri

Regno Unito, scoperta nuova variante: si temono 100mila contagi al giorno

Individuata una nuova variante della variante Delta nel Regno Unito, in Italia e in Israele. Denominata AY.4.2 potrebbe essere più contagiosa della Delta. In Italia i casi registrati fra settembre e ottobre sono solo 9 e la nuova variante, derivata dalla Delta, è stata analizzata dagli esperti del Ceinge-Biotecnologie avanzate di Napoli.

La nuova variante AY.4.2: cosa sappiamo al momento

In totale le sequenze per ora depositate della variante AY.4.2 sono 1860. La maggior parte si trovano nel Regno Unito e le rimanenti nel resto dell’Europa, tra cui i 9 italiani. Il genetista Massimo Zollo, dell’Università Federico II di Napoli, e coordinatore della Task force Covid-19 del Ceinge spiega come il virus potrebbe sfuggire ai vaccini.

“E’ un possibile esempio, ma va dimostrato, di come il virus AY.4.2. provi a sfuggire ai vaccini con tutto il suo carico mutazionale. Se l’ipotesi dovesse essere confermata, la situazione epidemiologica potrebbe peggiorare nel caso in cui dovesse restare ancore elevato il numero delle persone non vaccinate. Potrebbero essere colpite anche le persone già vaccinate con una risposta anticorpale bassa o assente”.

La situazione nel Regno Unito e nel resto d’Europa

Negli ultimi giorni i contagi nelle isole britanniche hanno sfiorato i 50.000, ieri i contagi sono stati 49.139. Per l’ottavo giorno di fila sono stati superati i 40.000 contagi. Il numero dei ricoveri in ospedale è ancora sotto il livello di guardia, anche se è in leggero aumento. I ricoveri sono quasi 7.900 e sono frenati dai vaccini, in quanto l’80% della popolazione ha ricevuto entrambe le dosi. I morti restano 179, dopo il picco di martedì di 223, numero più alto da marzo.

Gli specialisti britannici sono preoccupati per la variante AY.4.2, potenzialmente più trasmissibile di un ulteriore 10%. Al momento non sembra prevalere sul ceppo d’origine. In inverno si potrebbe arrivare a 100mila contagi al giorno. È quanto ha affermato Sajid Jadiv, ministro della Sanità britannico, difronte ai nuovi dati disponibili.

Con l’avvicinarsi della stagione invernale, in molti paesi europei sono risaliti i contagi ed è sempre più temuto l’arrivo di una nuova ondata. La Francia, che ha attuato più misure rispetto al Regno Unito, ha ammesso che il virus è tornato a circolare. Nell’est la situazione è ancora più seria. In molti paesi si è segnato un sostanziale aumento dei contagi, in alcun casi raggiungendo anche il record di morti. La Lettonia è tornata ad un lockdown e coprifuoco fino al 15 novembre.

In Israele rilevata la presenza della variante AY.4.2

La nuova variante è stata rilevata in un adolescente israeliano rientrato dalla Moldavia. Il suo caso è tenuto sotto controllo dai medici israeliani. Il ragazzo è risultato positivo all’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv ed si è sottoposto immediatamente all’isolamento. Secondo i media sarebbe affetto dalla sottovariante AY.4.2. Nei giorni scorsi Naftali Bennett aveva affermato che Israele stava sconfiggendo la variante Delta “ma non abbandona il pedale dell’acceleratore e si prepara fin d’ora ad un possibile ‘scenario Omega‘”. Convocato un team di esperti per valutare il possibile impatto della nuova sottovariante della Delta.

Seguici anche su Facebook e Instagram

Back to top button