Gossip e Tv

Rosalinda Cannavò, quando era Adua: “Ecco perché ho vissuto l’inferno”

Tutto inizia nel 2015, quando Gabriel Garko e Rosalinda Cannavò, a quei tempi nota con lo pseudonimo di Adua Del Vesco, balzano agli onori della cronaca per essersi innamorati sul set di una fiction.

Passano i mesi, e gli effetti dell’amore si sgonfiano a poco a poco. Gabriel Garko è co-conduttore al Festival di Sanremo del 2016 con Carlo Conti, mentre Adua Del Vesco prosegue nella sua carriera da attrice. Si diffondono i primi rumors riguardo a una relazione finta, una copertura dell’omosessualità di Garko. La coppia decide così di farsi vedere in Irlanda e si fa paparazzare per smorzare ogni malelingua. Con il passare del tempo, Gabriel fa molta fatica a smentire le voci e si parla spesso di Gabriele Rossi, il collega considerato molto più di un amico.

Nel 2020, Adua Del Vesco è tra i protagonisti del Grande Fratello Vip e Gabriel Garko entra nella casa più spiata d’Italia con l’obiettivo di fare coming out. È la fine di un rapporto che ha vissuto anche una finta proposta di matrimonio.

Rosalinda Cannavò: ecco spiegata la scelta nel cambio del nome

Ormai il nome Rosalinda Cannavò è quello ufficiale, ma di certo una simile decisione non è stata né rapida né facile. Al tempo della diretta del Grande Fratello Vip nell’ottobre del 2020, lo stesso Alfonso Signorini aveva detto: “Un cambio di nome ha un significato molto profondo”. E in questo caso specifico, cioé dell’abbandono di Adua in favore di Rosalinda, lo aveva descritto come un vero e proprio voltare pagina, per lasciarsi indietro ricordi che portavano con sé troppo dolore e troppa sofferenza.

Quando ho raggiunto i 32 chili ho abusato anche di medicine: sapevo che quello poteva portarmi a stare molto male, ma la cosa non mi spaventava. Consideravo la morte quasi come una liberazione. Non sopportavo più di essere un’altra persona: la parte vera di me voleva essere liberata il prima possibile.
Il desiderio di diventare un’attrice e la possibilità di realizzare questo sogno l’avevano convinta ad affidare la sua vita ad altri che maneggiavano la sua persona, creandole anche storie d’amore che non esistevano, come ha dettagliatamente raccontato durante la sua esperienza al Grande Fratello Vip.

Avevo affidato la mia vita ad altre persone. Mi era stato detto che per la televisione dovevo perdere dei chili. Per questo per tantissimi anni sono sprofondata nell’anoressia, ma non mi rendevo conto. Non avevo la percezione di come fossi. Credevo a tutto quello che mi dicevano e mi lasciavo condizionare. Oltre al cambio nome sono cambiata interiormente: ho iniziato a comportarmi diversamente da come ero io, questo mi logorava dentro

Uno dei momenti più difficili di questo percorso è stata la morte di Teodosio Losito, sceneggiatore della Ares Film con cui aveva collaborato in passato, ma da quel momento la sua vita ha avuto anche una svolta personale: “È stato un evento molto duro che mi ha svegliato da un incubo. Ho capito che dovevo allontanarmi da quel mondo che mi stava distruggendo come ha fatto con lui. Dopo la sua morte ho fatto un viaggio a Lourdes per ritrovare la fede che avevo perso nel corso degli anni. Oggi sento Teodosio molto vicino. Ovunque sia, lo penso ogni giorno, spero che la giustizia faccia il suo corso”. 

Seguici su Google News

Back to top button