Calcio

Salernitana, Gondo scaccia la crisi

Non vinceva da circa un mese e mezzo la Salernitana, ma domenica, nella sfida casalinga contro il Crotone, ha saputo portare a casa un match complicato e rocambolesco nei minuti finali. Ora i campani acciuffano i calabresi in classifica e guardano di nuovo la zona playoff da vicino.

La vittoria

Era il 2 novembre quando la Salernitana vinceva per 2-1 all’Arechi sulla Virtus Entella. Addirittura, la vittoria precedente, era datata 29 settembre. Insomma, col Crotone la Salernitana ha ottenuto la terza vittoria in due mesi e mezzo. Numeri di certo che non fanno piacere al pubblico campano, tant’è che in occasione del gol del momentaneo 1-1 di Jallow al 64′, i pochi tifosi presenti sugli spalti si sono lasciati andare ad un battibecco con la squadra. Infatti, c’è anche da sottolineare che la squadra ospite, dopo aver trovato il vantaggio con Golemic al 14′, si è ritrovata in 10 uomini dal 29′, proprio per l’espulsione del marcatore serbo. Un pareggio tardivo quello della Salernitana, che però è riuscita a farsi perdonare con la doppietta di Gondo al 74′ e 90′ inoltrato. In mezzo, altro brivido per la tifoseria di casa, visto che il Crotone aveva trovato il momentaneo pareggio per 2-2 all’86’ con l’autorete di Jaroszynski.

La palla colpita di testa da Gondo che si deposita in fondo al sacco per il 3-2 finale
Photo Credits: Pagina Facebook U.S. Salernitana 1919

Salernitana, da che parte stai?

La vera fortuna della Salernitana è che in questo campionato di Serie B nessuno, se non il Benevento che sta lasciando il vuoto dietro di sè, riesce ad avere una continuità tale da potersi mettere in una posizione comoda e tranquilla. Per questo, si è venuta a creare una paradossale situazione per cui i cavallucci, che hanno vinto solamente la terza partita da fine settembre ad oggi, siano decimi, ad un punto dai playoff e solamente a 6 lunghezze dal secondo posto, che vorrebbe dire promozione diretta. Senza dubbio assistiamo ad una delle Serie B più affascinanti e meno scontate degli ultimi anni: al momento, infatti, non c’è nessun pronostico certo.

Rovesciando la medaglia, però, si evince che la Salernitana debba osservare in modo attento anche ciò che accade sotto di lei. Il Venezia, sedicesimo, e quindi in zona playout, ha solamente 3 punti in meno dei granata. La classifica è molto corta, su questo non c’è dubbio. A cavallo tra il girone d’andata e quello di ritorno, la Salernitana è chiamata ad una scelta: fare un salto in alto, o restare risucchiati nelle zone pericolose della classifica?

Seguici anche sulla nostra pagina Facebook e sulla nostra pagina Twitter!

Back to top button