Cultura

Sant’Innocenzo I, il pontefice che ostacolò le invasioni barbariche a Roma

Adv
Adv

Sant’Innocenzo I, divenne pontefice il 22 dicembre del 401. Originario dei castelli romani, nello specifico di Albano laziale. Fu un pontefice, dedito ad ostacolare le invasioni barbariche, che distruggevano Roma. Infatti dalla cieca furia distruttiva dei barbari, Roma non venne risparmiata. Così la città eterna, venne saccheggiata per ben due volte. Il pontificato di Innocenzo I, succede a quello di Bonifacio I.

Il contesto storico nel quale, questo pontefice, si trova ad operare, è complesso e delicato. Infatti era appena iniziata la calata dei Goti in Italia. E Papa Innocenzo I, si era fatto ambasciatore pacifico, per evitare le razzie dei barbari. Così convince Alarico, ad una tregua pacifica. Che però non scongiura il peggio. E Roma viene barbaramente depredata nel 410. Ma la missione apostolica di Papa Innocenzo I, non si limita a mediare con le tribù germaniche. Infatti di grande importanza sono le sue lettere dottrinali. Che saranno il capo saldo delle collezioni canoniche, soprattutto per il futuro. Di importanza storica ed apostolica, è il Concilio di Milevi, nel 416. Quando Innocenzo I, condanna formalmente Pelagio ed il suo discepolo Celestio.

Interventi dottrinali durante il pontificato

Questo Papa, si distingue per vari ed incisivi interventi dottrinali. Tra i più significativi, durante il suo pontificato viene sottolineata la dottrina delle penitenza, l’unzione degli infermi, il battesimo come sacramento fondamentale e l’indissolubilità del matrimonio. Inoltre di forte vigore, fu la condanna che Papa Innocenzo I, fece all’eretico Pelagio. Documento redatto ufficialmente nel 416, durante il Concilio. Il nome Innocenzo, ha matrice latina e significa uomo senza peccato. Il pontificato di questo Papa, si conclude il 12 marzo del 417. Quando, dopo 16 anni sul soglio pontificio, Innocenzo I muore. Il suo corpo giace, vicino le spoglie di quello che era stato suo padre, Anastasio I.

a cura di Chiara Bonacquisti

Seguici su: Metropolitan Magazine

Adv
Adv

Related Articles

Back to top button