SBK Test Phillip Island 2020 – Jonathan Rea è il più veloce nelle prove nel tracciato australiano davanti a Baz e a Sykes.

SBK Test Phillip Island 2020 – Razgatlioglu il più veloce dopo la prima giornata 

La WorldSBK è pronta per l’ultima sessione di test, nella settimana che porterà all’inizio della stagione 2020 a Phillip Island. Il primo giorno di prove si chiude con Toprak Razgatlioglu in testa con il tempo di 1.’30.740. Il pilota turco di Yamaha Pata era stato il migliore anche a Portimao. Secondo posto per Sykes (+0.022), che sembra avere un ottimo feeling con la BMW qui a Phillip Island.

SBK Test Sykes 2020
Sykes vuole portare in questo 2020 la prima vittoria a BMW da quando è tornata a tempo pieno nel WorldSBK – Photo Credit: WorldSBK.com

In terza posizione troviamo Baz (+0.037), che si conferma ancora il migliore dei piloti indipendenti e uno delle possibili belle sorprese di questa stagione. Quarto posto per Rea (+0.256), che lavorato principalmente sul passo di gara in una pista dove non trionfa dal 2017. Quinto posto per Haslam (+0.456) che porta la sua Honda ad un buon punto di partenza e che può già giocarsi il podio, ma anche la vittoria. Solo sesta posizione per la prima delle Ducati, ovvero quella di Redding (+0.496). Settima posizione per Van der Mark (+0.700), il quale non si è migliorato nel corso del pomeriggio.

SBK Test Baz 2020
Baz continua a confermarsi il miglior indipendente durante i test 2020 – Photo Credit: WorldSBK.com

Ottavo posto per Laverty (+0.845), il pilota che ha effettuato il maggior numero di giri nel Day1. Solo nono posto per Lowes (+0.925), autore di una caduta nel corso del pomeriggio. Chiude la top ten Davies (+1.373), molto lontano dal tempo di Razgatlioglu. Il grande flop di questa Day1 è Bautista (+1.801) con il quindicesimo tempo, lui che lo scorso anno fece tripletta qui a Phillip Island. Indietro anche i nostri piloti italiani con Rinaldi dodicesimo (+1.532) e Caricasulo sedicesimo (+1.966) quest’ultimo caduto nel pomeriggio.

SBK Test Phillip Island 2020 – Rea si aggiudica le ultima prove prima dell’inizio della stagione

Seconda giornata di test condizionata inizialmente dalla pista bagnata per via della pioggia caduta nella notte. Jonathan Rea si aggiudica la ultima due giorni di test prima dell’inizio del campionato 2020 firmando il tempo di 1’30.448. Il cinque volte campione del mondo è stato anche vittima di una caduta nel corso della mattinata, per fortuna senza conseguenze fisiche per il pilota.

SBK test Razgatlioglu 2020
Razgatlioglu pronto a dare battaglia sin dal primo round della stagione – Photo Credit: WorldSBK.com

In seconda posizione troviamo ancora Baz (+0.076). Il suo passo gara è già ottimo, ma nel paddock si vocifera che il team Yamaha Ten Kate sta utilizzando per i test il motore del 2019 e che per il primo round della stagione è pronto il motore 2020. Terza posizione per Sykes (+0.120) che riesce a completare numerosi giri sotto l’1’31 e questo è un buon segnale per il week-end, dopo i problemi dello scorso anno.

SBK test Redding 2020
Redding continua il suo lavoro sulla Ducati, ma il vero potenziale lo vedremo sicuramente durante i round europei – Photo Credit: WorldSBK.com

Quarto posto per Razgatlioglu (+0.292) che non migliora il suo tempo nel Day2. Il pilota turco ha lavorato per tutto il giorno sul passo gara. Quinto posto per Haslam (+0.434) che con la Honda gira con il suo passo gara del 2019, quando era alla guida della Kawasaki. Sesta posizione per la Ducati di Redding (+0.437), il quale sembra aver trovato il giusto bilanciamento con la moto a fine sessione, in una giornata iniziata con una caduta. Settimo posto per Van der Mark (+0.629), anch’egli scivolato nel corso della mattinata. Ottavo posto per il primo dei piloti italiani, ovvero Rinaldi (+0.959), che ha ottenuto riscontri molto positivi nel Day2.

SBK test Bautista 2020
Tanto lavoro da svolgere per Bautista, ancora molto lontano dai top rider e dal suo compagno di squadra Haslam – Photo Credit: WorldSBK.com

Nono crono per Laverty (+0.988) il quale si è dedicato al telaio e all’elettronica della sua BMW. Chiude la top ten Bautista (+1.005) finito a terra durante la mattinata. Fanno fatica invece Davies (+1.085) e Lowes (+1.112) rispettivamente in undicesima e dodicesima, con quest’ultimo scivolato anche nel corso della seconda giornata di test. Continua il suo adattamento alla moto Caricasulo (+1.496) che chiude diciassettesimo.

SEGUICI SU:

© RIPRODUZIONE RISERVATA