Cronaca

Scuola, oggi tornano in classe 5,6 milioni di studenti italiani

Oggi ritornano a scuola 5,6 milioni di studenti italiani
Scola, fonte radiofujiiko.it

Via all’anno scolastico post covid. Oggi la scuola italiana apre i battenti per 5,6 milioni di studenti mentre altri rientreranno il 24 a causa delle elezioni o semplicemente perchè mancano i nuovi banchi,supplenti e mascherine. A questo si aggiunge la grande sfida nel momento con il ripristino delle lezioni evitando i contagi.

Scuola, via alle lezioni post covid

Qualche episodio di infezioni ci sarà, va messo in conto, se negassi non sarei realista”. Queste le parole del presidente del Consiglio superiore di Sanità Franco Locatelli che si dice certo di non riaprire per chiudere perchè non ci sono le condizioni in Italia per tornare indietro. Anzi non bisognerà, a suo dire, spaventarsi nel caso di aumento dei positivi, perchè il nostro paese, a differenza di 5 mesi fa è più preparato.

Per tenere opportunamente sotto controllo la situazione per Locatelli è necessaria “la partecipazione di tutti. Famiglie, studenti, docenti”. Per il presidente del Consiglio superiore di Sanità “il virus ha la stessa capacità di indurre problemi gravi e fatali. Ma la scuola, ripeto, è nelle condizioni di non contribuire a peggiorare la situazione”. Ecco perchè diventa importante rispettare le misure di sicurezza predisposte come la misurazione della temperatura a casa evitando assembramenti a scuola.

Le mancanze della scuola

Le reali condizioni della scuola italia

Coloro che effettivamente andranno oggi a scuola sono 5,6 milioni di studenti su un totale di 8,3. Molte regioni, soprattutto quelle a Sud, hanno posticipato l’apertura al 24 settembre perchè ancora non pronte ad aprire. A questi si aggiungono, i comuni, come ad esempio Viterbo nel Lazio, che non sono riusciti a ripartire oggi.

Questo perchè mancano mascherine e banchi la cui consegna terminerà solo alla fine di ottobre. Inoltre ben 250.000 cattedre di ruolo sono scoperte nonostante il ministero dell’Istruzione abbia trasformato le graduatorie di istituto in graduatorie online per supplenze. Queste dunque le gravi mancanze in vista della grande sfida post covid lanciata dalla scuola italiana. Una scuola, che prospetta Locatelli,”resterà aperta tutto l’anno” con l’impegno di tutti. Eppure in molti casi ancora non si è riusciti a ripartire.

Stefano Delle Cave

Stefano Delle Cave è scrittore, giornalista pubblicista e regista. Laureato magistrale in D.A.M.S. all’Università di Roma Tre. Gli articoli redatti da Stefano giornalista hanno per tema il cinema, la cultura e la società civile in genere.
Back to top button