Calcio

Serie A, Quagliarella supera Boniperti nella classifica marcatori all time

Adv

Dopo 18 giornate di astinenza Fabio Quagliarella torna al goal in Serie A. E non si limita a farne uno, ma torna al goal con una straordinaria doppietta che stende l’Empoli e permette alla sua Sampdoria di guadagnarsi i tre punti. Non solo, con queste due reti il bomber di Castellammare di Stabia supera Giampiero Boniperti nella classifica marcatori all time della Serie A. E si piazza al tredicesimo posto, con 180 reti. Mica male.

Fabio Quagliarella, bomber di Serie A con una carriera oltre gli ostacoli

Fabio Quagliarella è un centravanti italiano classe 1983. Nonostante l’anagrafe segnali 39 anni sulla sua schiena, Quaglia si comporta come se non lo sapesse. E continua a segnare, stupendo tutto e tutti, forse in primis sé stesso. Quest’annata certamente non sta andando nel migliore dei modi: gli acciacchi fisici per larghi tratti hanno avuto la meglio. Nelle ultime dieci giornate era partito titolare in una sola occasione, e l’ultimo goal risaliva al 3 ottobre, dal dischetto contro l’Udinese. Contro l’Empoli Quagliarella però è tornato titolare, alla giornata numero 26, realizzando una doppietta decisiva ai fini della vittoria della Sampdoria di cui è capitano.

La stagione della Doria non sta procedendo come ci si aspettava. Tante difficoltà nella prima parte di campionato, con i genovesi a brancolare nelle zone calde di classifica. L’esonero di Roberto D’Aversa ha poi riportato sulla panchina dei liguri Marco Giampaolo. Un tecnico che conosce bene la Sampdoria, e che a Genova ha fatto molto bene, facendo appassionare la tifoseria al suo calcio. E, dato da non sottovalutare, sotto la sua gestione Quagliarella si è laureato capocannoniere della Serie A nel 2018/19. A 36 anni, con 26 goal, segnando più di un certo Cristiano Ronaldo. E dal ritorno di Giampaolo, oltre ai goal di Quaglia, sono tornati i punti: 6 in 4 partite.

La carriera di Quagliarella in brevissimo

La storia di Quagliarella è incredibilmente affascinante, tra trofei, cambi di maglia, goal e vicende extra-calcistiche. Sì, perché la carriera del bomber di Castellammare di Stabia, per quanto sia estremamente ricca di goal e soddisfazioni, è stata inevitabilmente condizionata da una vicenda che con il calcio c’entra poco. E che per lunghi tratti ha rovinato non solo il suo calcio, ma la sua vita. Per anni è stato infatti vittima di stalking da parte di un ex agente di Polizia Postale, amico della famiglia Quagliarella. Stalking che costrinse il numero 27 della Samp ad abbandonare il suo Napoli per la Juventus, finendo odiato dai tifosi azzurri a cui si sentiva incredibilmente legato. E nonostante tutto questo è stato in grado di segnare finora 180 goal in Serie A. Un vero fenomeno, con i numeri dalla sua parte a scrivere il suo nome nella storia del campionato italiano.

La sua carriera e i suoi goal si sono divisi tra Torino, Ascoli, Udinese, Napoli, Juventus e Sampdoria, lasciando il proprio segno ovunque. La maglietta blucerchiata è quella che ha indossato più fra tutte, collezionando con la Samp ben 299 presenze e 118 goal. Cifra tonda delle 100 reti in Serie A con la Doria raggiunta tra l’altro proprio con la doppietta di sabato scorso. Con la maglia dell’Italia, poi, ha siglato 9 reti in 28 partite. Chissà fin quando ancora sarà capace di sorprenderci. Per il bene del nostro calcio, speriamo ancora per tanto. Perché uno con la sua classe e con i suoi goal, tredicesimo nella classifica marcatori della storia della Serie A, non potremo far altro che rimpiangerlo.

La classifica marcatori all time della Serie A

  1. Silvio Piola. 537 partite, 274 goal (Pro Vercelli, Lazio, Juventus, Novara).
  2. Francesco Totti. 619 partite, 250 goal (Roma).
  3. Gunnar Nordahl. 291 partite, 225 goal (Milan, Roma).
  4. Giuseppe Meazza. 367 partite, 216 goal (Inter, Juventus).
  5. José Altafini. 459 partite, 216 goal (Milan, Napoli, Juventus).
  6. Antonio Di Natale. 445 partite, 209 goal (Empoli, Udinese).
  7. Roberto Baggio. 452 partite, 205 goal (Fiorentina, Juventus, Milan, Bologna, Inter, Brescia).
  8. Kurt Hamrin. 400 partite, 190 goal (Juventus, Padova, Fiorentina, Milan, Napoli).
  9. Giuseppe Signori. 344 partite, 188 goal (Foggia, Lazio, Sampdoria, Bologna).
  10. Alessandro Del Piero. 478 partite, 188 goal (Juventus).
  11. Alberto Gilardino. 514 partite, 188 goal (Piacenza, Verona, Parma, Milan, Fiorentina, Genoa, Bologna, Palermo, Empoli, Pescara).
  12. Gabriel Omar Batistuta. 318 partite, 184 goal (Fiorentina, Roma, Inter).
  13. Fabio Quagliarella. 522 partite, 180 goal ( Ascoli, Udinese, Napoli, Juve, Torino, Sampdoria).
  14. Giampiero Boniperti. 443 partite, 178 goal (Juventus).
  15. Amedeo Amedei. 423 partite, 175 goal (Roma, Inter, Napoli).
  16. Ciro Immobile. 281 partite, 174 goal. (Genoa, Torino, Lazio).
  17. Giuseppe Salvoldi. 405 partite, 168 goal (Atalanta, Bologna, Napoli).
  18. Guglielmo Gabetto. 322 partite, 167 goal (Juventus, Torino).
  19. Roberto Boninsegna. 366 partite, 163 goal (Varese, Cagliari, Inter, Juventus).
  20. Luca Toni. 344 partite, 157 goal. (Vicenza, Brescia, Palermo, Fiorentina, Roma, Genoa, Juventus, Verona).

Twitter

Instagram

Facebook

(Photo credit: U.C. Sampdoria)

Adv
Adv

Related Articles

Back to top button