CalcioSport

Serie D girone G: una sorpresa, diverse conferme e due delusioni

Serie D 20-21
Photo credit: U.S. Savoia 1908

Serie D girone G raggruppamento davvero divertente, reso tale dopo le prime quattro giornate da una matricola terribile, diverse conferme ed almeno due delusioni. Ecco di chi parliamo…

La sorpresa

Salire dall’Eccellenza e dopo 4 giornate sorprendere le altre contendenti, prendendosi anche la testa della classifica (sia pure in coabitazione), non è proprio da tutti. Eppure è esattamente quello che è riuscito a fare sino a qui l’Insieme Formia, la formazione laziale guidata dalla panchina da mister Salvatore Amato, tecnico 65enne confermato dalla Società nel corso dell’ultima estate, dopo una promozione certamente prestigiosa.

Tre vittorie (Cassino, Giugliano e Lanusei) ed un pareggio per 2-2 contro il Sassari Latte Dolce in trasferta, hanno permesso all’Insieme Ausonia di volare a 10 punti dopo i primi 4 turni di campionato, mostrando, al contempo, un’ottima dimestichezza con il gol (con 10 reti è il secondo miglior attacco del girone) ed una buona impostazione difensiva, solo 4, infatti, i gol subiti. Durerà? Presto per dirlo, ma l’avvio è certamente da applausi.

Serie D 20-21
Un momento di festa nello spogliatoio dell’Insieme Formia (Photo credit: SSD Insieme Formia)

Le conferme

Monterosi (10 p.ti), Latina (9 p.ti), Savoia (9 p.ti), sono squadre importanti nel raggruppamento, che già in estate molti osservatori indicavano come le protagoniste certe in chiave promozione. Beh, tutte e tre, a loro modo, stanno mantenendo le “promesse”. Le 30 giornate che ci separano dalla fine della stagione, rappresentano un cammino piuttosto lungo e per questo irto di ostacoli, ma salvo qualche piccolo inciampo in questo avvio di stagione, le tre big hanno trovato da subito il modo di far parlare di loro.

Il Monterosi con 1 gol al passivo, ha la miglior difesa del girone G della Serie D, mentre il Latina, con 12 reti all’attivo, il miglior attacco. I campani del Savoia, invece, che nessuno voleva nel proprio gruppo dato il blasone e l’organizzazione di primo livello per la categoria, non ha al momento numeri che la pongono in testa a qualche classifica, ma le vittorie contro la Nocerina e l’Afragolese in casa e quella roboante per 4-1 in trasferta contro al Vis Artena, non sono passate inosservate. Saranno protagoniste fino alla fine? Difficile immaginare il contrario, più difficile dire ora chi riuscirà a fare davvero il salto di categoria.

Serie D 20'-21
Il Latina mentre festeggia un gol contro il Giugliano (Photo credit: Latina Calcio 1932)

Le delusioni

La Sardegna partecipa a questo girone della Serie D con 6 formazioni (Carbonia, Lanusei, Arzachena, Muravera, Sassari Latte Dolce e Torres). Proprio le due squadre di Sassari (Torres e Sassari Latte Dolce), durante l’estate sembravano aver costruito organici di grande valore per la quarta serie, eppure all’avvio di stagione, le due squadre arrancano sul fondo della classifica. La squadra di Udassi, domenica scorsa, non è andata oltre il terzo pareggio stagionale, mentre i rossoblu della Torres, dopo 3 gare, ancora non sono riusciti a togliere dalla casella punti il poco rassicurante zero.

Due delusioni, sino a qui, che tuttavia possono e devono trasformare il proprio cammino in campionato in qualcosa di più importante. Le due rose sono farcite di giovani, ma anche di calciatori di esperienza. Quello che non ha funzionato in questo inizio potrà di certo farlo più avanti, ma è importante che il cambio di passo non si faccia attendere troppo, perché le prime della classe, lassù, già stanno correndo.

Serie D 20-21
Tifosi della Torres (Photo credit: Torres Sassari)

Autore: Adriano Fiorini

RISULTATI E CLASSIFICHE SERIE D– CLICCA QUI

Articolo precedente

Seguici su:

Pagina Facebook Calcio Metropolitan

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia

Account Twitter Ufficiale Metropolitan Magazine Italia

SERIE D

Adv

Adriano Fiorini

"Lo sport va a cercare la paura per dominarla, la fatica per trionfarne, la difficoltà per vincerla." (cit. Pierre De Coubertin). C'è allora qualcosa di più divertente da raccontare?

Related Articles

Back to top button