Oggi e’ poco nota, ma molti artisti hanno avuto la sindrome di Tourette, come Amy Winehouse o Billie Eilish che qualche settimana fa era ospite del programma tv di Ellen DeGeneres e ha spiegato come dire di avere la sindrome abbia aiutato a rinsaldare il rapporto con i fan. La sindrome di Tourette è la malattia dei tic, quasi sconosciuta in Italia, come si dolgono gli specialisti del disturbo. Il nome scientifico è sindrome di Tourette, dal nome del neurologo francese Gilles de la Tourette che verso la fine dell’Ottocento la individuò e ne descrisse un quadro clinico.

La sindrome è un disturbo neurologico che esordisce nell’infanzia scomparendo spesso durante l’adolescenza.

Sindrome di Tourette, tic e parolacce?

I tic, molto spesso occasione di presa in giro, possono essere di varia natura: sospiri, raschiamento di gola, movimento della spalla, torsione della testa, colpo di tosse, una vocale ripetuta oppure una parola. E’ stata oggetto di molti studi, per capirne la causa se psicologico, neurologica o di natura genetica. Quello che hanno rilevato gli scienziati è una quantità significativamente maggiore di materia grigia nel talamo, ipotalamo e mesencefalo. La materia grigia è quella in cui il cervello elabora le informazioni.

La mancanza di conoscenze sull’origine, significa che non ci sono terapie per la sindrome di Tourette? “E’ una condizione molto complessa da gestire e in Italia, poi, è ben poco conosciuto”

© RIPRODUZIONE RISERVATA