Sondaggi Emilia Romagna: i risultati riguardo le preferenze espresse

Cambio di rotta riguardo l’andamento dei sondaggi in Emilia Romagna, in rialzo quei partiti creduti in svantaggio

I sondaggi in Emilia Romagna mostrano dei risultati non proprio auspicati da i più. Non sono bastati i movimenti apartitici uniti dalla volontà di smontare “la bestia elettorale” a bloccare l’ascesa del “Carroccio”. In netta ripresa troviamo appunto il partito di Salvini, la Lega, che conquista un 33.2% dei consensi, aumentando dello 0.3%.

I risultati provengono dal sondaggio svolto da Swg per conto di La7 in data 20 gennaio. Risultati non proprio rassicuranti per gli oppositori di Salvini, i quali speravano in un crollo non avvenuto. Gli unici due oppositori al partito con maggior consensi sono il Pd, che resta stabile al 18%, ed il M5S con una crescita dello 0.4% arrivando ad un 15,6%.

Pd che non perde troppi consensi nonostante la separazione di Matteo Renzi, fondatore del nuovo partito Italia Viva con cui da un 4,8% scende ad un 4,5%. La sovranista Giorgia Meloni, a capo di Fratelli d’Italia recupera un mezzo punto percentuale arrivando a quota 10,9%. Questa la rendicontazione riguardo i “partiti maggioritari” ovvero, aventi una fetta maggiore dell’elettorato.

Il centrosinistra, formato da Leu e dal partito di Calenda, subisce un leggero ribasso: da un 3,1% ad un 3% e da un 2,9% ad un 2,6%. Tendenza contraria invece per il partiti minoritario di centrodestra di Giovanni Todi il quale aumenta di poco. Per il centrodestra quindi si prospetta il possibile scenario di una coalizione che deterrebbe un 50%.

Una vittoria annunciata?

Mancando solo 5 giorni è legittimo pensare che la Lega abbia vinto le elezioni e che ci sia poco da fare per gli altri partiti. Indubbiamente la validità dei sondaggi è ineccepibile, ciò che però rappresenta una costante in ogni sondaggio è la sua somministrazione ad un pubblico quantomeno ristretto rispetto alla totalità degli elettori.

Elettori, il quale reale consenso, rimane ancora celato fino a che non sarà effettuato il procedimento dello scrutinio. Quel che è certo riguarda l’incontrovertibile punteggio a favore di un partito che fa della comunicazione il suo strumento migliore riuscendo, purtroppo per alcuni, per fortuna per altri, a servirsi dei bisogni del cittadino dimenticato dalla maggioranza dei politicanti.

Visita il nostro sito ufficiale

Seguici su la nostra pagina Facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA