Calcio

Pescara nel baratro: ora la squadra di Sottil rischia grosso

Momento non nero, ma nerissimo per il Pescara. La sconfitta esterna contro il Trapani ha messo i Delfini in guai molto seri. Gli abruzzesi restano in piena zona play-out a quota 42 punti. La scelta di affidare la guida della squadra ad Andrea Sottil non ha pagato e ora i biancazzurri rischiano molto grosso. Le due prossime uscite saranno di vitale importanza per evitare un epilogo che quasi nessuno avrebbe pronosticato ad inizio stagione.

Pescara, la cura Sottil non funziona

Dopo tre pareggi consecutivi il Pescara di Sottil (subentrato poche settimane fa a Nicola Legrottaglie) era chiamato a cercare un successo che avrebbe ridato una boccata d’ossigeno ai Delfini. E invece per il club abruzzese è arrivata una pesantissima sconfitta contro il Trapani, rientrato prepotentemente in corsa per la salvezza. A decidere il match è stata la rete di Luperini al 13esimo. Uno scontro che ha rilevato tutte le pecche del Pescara: un atteggiamento troppo remissivo, specie se comparato con la voglia assetata di punti e di vittoria messa in mostra dai Granata.

Sottil Pescara
Ph. Fabio Urbini/LaPresse – Un’azione di Pescara-Trapani dell’andata.

I biancazzurri non sono riusciti ad evitare la sconfitta, rischiando anzi più volte di subire il raddoppio dei siciliani. Nel finale è arrivata anche la doccia fredda: gli uomini di Sottil hanno chiuso il match in dieci uomini in seguito all’espulsione diretta di Masciangelo. La vittoria del Perugia a Chiavari e i pareggi di Ascoli e Cremonese hanno allontanato ulteriormente i Delfini dalla zona salvezza. Come se non bastasse, il successo del Cosenza sul Pisa ha ridotto drasticamente il vantaggio del Pescara sul terzultimo posto. Soltanto due lunghezze in più rispetto ai Silani. Ora gli abruzzesi rischiano grosso, eccome.

180 minuti di fuoco

Ora sarà fondamentale mantenere il sangue freddo. La sconfitta al Provinciale è dura da digerire, ma restano ancora 180 minuti da giocare. E qui l’atteggiamento dovrà essere totalmente diverso rispetto a quanto visto nella serata di ieri. Nel prossimo turno il Pescara sfiderà all’Adriatico un Livorno già retrocesso: i tre punti saranno un imperativo improcrastinabile. Nell’ultima giornata invece i Delfini faranno visita ad un Chievo forse ancora in lotta per conquistare un piazzamento play-off. Una gara ostica, ma nella quale fare risultato avrà un’importanza a dir poco vitale.

Il primo obiettivo sarà quello di disputare quanto meno i play-out. Obiettivo tecnicamente alla portata: Cosenza e Juve Stabia si scontreranno infatti nel turno conclusivo in una gara non certo adatta ai deboli di cuore. Nella prossima giornata le due compagini saranno inoltre impegnate in gare non proprio semplici: le Vespe ospiteranno una Cremonese non ancora aritmeticamente salva, mentre i calabresi affronteranno in trasferta l’Empoli, che non è ancora certo dei play-off.

La post-season è un obiettivo che deve essere raggiunto. Con qualche combinazione a favore i Delfini potrebbero persino evitare i play-out, anche se non sarà certo semplice. Ma questa è un’altra storia. Ora bisogna pensare ad evitare che l’epilogo di questa nefasta stagione sia ancora più tragico.

Seguici su:

Pagina Facebook ufficiale Metropolitan Magazine

Adv
Adv
Adv
Back to top button