Gossip e Tv

Striscia la Notizia, Totti smentisce i tradimenti e FIMI appoggia l’iniziativa ”un bando per il Festival di Sanremo”

Questa sera a Striscia la Notizia esclusivo: Totti smentisce i tradimenti. La saga Totti-Blasi continua. E, ancora, FIMI – Federazione Industria Musicale Italiana – appoggia l’iniziativa di Striscia ”Un bando per il Festival di Sanremo”.

Striscia la Notizia, Totti e la smentita dei tradimenti

Striscia Totti tradimenti
Photo Credits: Mediaset

Questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) nuovo episodio della saga Totti-Blasi versione deepfake. Nella puntata di oggi il “nostro” Francesco Totti chiarirà i pettegolezzi sui suoi presunti tradimenti ai danni della conduttrice.  

«Ilary ha detto che l’ho tradita tante volte: è una bugia. Non ho mai avuto altre, ve lo può confermare anche Claudia, Simona, Carlotta, Paola, Margherita, Samanta, Lucrezia, la zia di Lucrezia…».

Rivela il Pupone, che mostra in esclusiva il nuovo paio di scarpe che indosserà alla prossima partita di calcetto. Il servizio completo questa sera a Striscia la notizia

Il Ceo della FIMI Enzo Mazza si unisce all’inchiesta di Pinuccio sul Festiva di Sanremo

Questa sera a “Rai Scoglio 24” – la rubrica di Striscia la notizia dedicata agli sprechi Rai – continua l’inchiesta di Pinuccio sul Festival di Sanremo e sulla possibilità di assegnare la kermesse musicale – di proprietà del Comune di Sanremo – tramite un bando aperto, come si evince da una recente sentenza del Tar. Questo vuol dire che il Festival potrebbe non essere più un’esclusiva Rai, ma potrebbe essere organizzato e trasmesso da qualsiasi emittente nazionale in chiaro.

«L’Apertura di un bando garantisce trasparenza e che tutti gli interlocutori abbiano accesso a quelle informazioni necessarie a stabilire le regole e le modalità di partecipazione».

Dichiara il ceo Fimi (Federazione industria musicale italiana) Enzo Mazza, che si unisce all’iniziativa di Pinuccio “Un bando per il Festival di Sanremo” a cui hanno già espresso sostegno AudioCoop (Associazione di Coordinamento degli Editori e Produttori Discografici Indipendenti), Afi (l’Associazione Fonografici italiani) e Siedas (Società Italiana Esperti di Diritto delle Arti e dello Spettacolo).

«Il nostro obiettivo è che ci sia un tavolo con il Comune di Sanremo a cui possano partecipare le associazioni di categoria che rappresentano i discografici e il broadcaster coinvolto, in questo caso la Rai. A oggi questo non avviene».

Aggiunge Mazza.

Il servizio completo questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35).

Seguici su Google News

Back to top button