Ternana, grandi movimenti nell’ultimo giorno di calciomercato

La Ternana è stata molto attiva ieri, ultima giornata di calciomercato. Tra i colpi solo della giornata ci sono Boben (in copertina) dal Livorno, Palumbo dalla Sampdoria. Vediamo allora qual è adesso la rosa delle fere e studiamo la squadra in vista del big match di domani contro il Palermo.

Ternana
Lucarelli, allenatore della Ternana. Credits: pagina FB Ternana

Ternana: prima il mercato

La Ternana è stata molto attiva nella giornata di ieri, ultima disponibile per il calciomercato in entrata. Gli ultimi acquisti sono stati Boben dal Livorno e Palumbo dalla Sampdoria. Due giocatori di spessore, provenienti da campionati di livello superiore, che sicuramente daranno una grande mano alle fere, magari già in vista del big match di domani contro il Palermo. Ma non tutti i piani di mercato rossoverdi sono andati a buon fine. Partiamo dagli obiettivi centrati.

La Ternana aveva avviato le trattative per l’esterno sinistro Paolo Frascatore, classe 1992, nella mattinata di ieri. Il giocatore l’anno scorso ha fatto una stagione a metà fra Triestina e Padova. E’ un ex Sassuolo, Benevento, Pescara, Carpi, Reggiana, Pistoiese e Sudtirol, con esperienze anche in Svizzera al Losanna. Il giocatore era svincolato e la virata decisiva c’è stata con l’allontanamento di Giacomo Ricci in direzione Perugia. Intorno alle 16:30 Gianluca Di Marzio ha fatto sapere che il suo acquisto era andato a buon fine ma l’annuncio ufficiale non è ancora arrivato. Si attendono le prossime ore.

Per Matja Boben dal Livorno era invece già tutto fatto e deciso intorno alle 17 di ieri. Il giocatore rafforza molto la difesa rossoverde che ha visto in lui il tassello giusto per competere nel girone C di Serie C. Il suo annuncio ufficiale è arrivato alle 19:55 con un comunicato che recitava:

“La Ternana Calcio comunica di aver acquisito le prestazioni sportive del calciatore Matija Boben. Il difensore sloveno (è nato a Lubiana il 26/02/94) arriva in prestito annuale con diritto di riscatto dall’A.S. Livorno Calcio con cui vanta 41 presenze (ed una rete) in un anno e mezzo tra B e Coppa Italia. Nel suo curriculum figurano anche 30 presenze in Slovenia con il ND Gorica, 8 in Russia con il Rostov e 2 nelle qualificazioni per l’Europa League con le squadre sopra citate oltre che 2 presenze in nazionale maggiore.”

Intorno alle 18 di ieri c’è invece stata la sterzata decisiva della Ternana per il ritorno di Antonio Palumbo. Il Chievo aveva allentato la presa e i rossoverdi ne hanno approfittato subito. Il centrocampista, di proprietà della Sampdoria, è arrivato in prestito. Il comunicato di ieri recitava:

“La Ternana Calcio comunica di aver acquisito dalla U.C.Sampdoria le prestazioni sportive del calciatore Antonio Palumbo. Il centrocampista napoletano classe ’96 arriva in prestito annuale con opzione e contro-opzione.
Antonio ha disputato con la maglia delle Fere 86 partite tra B, C e Coppa Italia realizzando 6 reti.”

Ma non tutte le ciambelle escono col buco. Il rimpianto dell’ultima giornata di calciomercato per la Ternana è stato Michel Nday Adopo. Il mediano del Torino era atteso nel pomeriggio di ieri per le visite mediche di rito per un arrivo in prestito. In realtà il suo passaggio è poi saltato per un ritardo di condizione del giocatore. La situazione del mercato rossoverde è dunque:

ARRIVI Falletti (att., pr.biennale, dal Bologna), Laverone (dif, Ascoli), Kontek (dif./cen, svincolato), Diakitè (dif, svincolato), Peralta (cen, Novara), Raicevic (att, pr. Livorno), Ndir (dif, svincolato), Palumbo (Sampdoria), Boben (Livorno)
PARTENZE Gagno (por, Modena), Marinaro (por, pr. Ascoli), Tozzo (por, pr. Mantova), Parodi (dif., Alessandria), Boateng (att, pr. Fermana), Nesta (dif, pr. Lecco), Marilungo (att, pr Monopoli), Sini (dif., Ascoli), Mazzarani (dif, pr. Pistoiese)

Verso il match col Palermo

La Ternana arriva al match con il Palermo come prima in classifica. Conta poco, certo, perchè sono state giocate solo due partite, ma in quelle occasioni le fere hanno avuto la possibilità di mostrare un buon gioco di squadra e buone giocate individuali. Con i nuovi innesti in rosa (chissà che non partano dal 1° minuto già domani) la Ternana può assolutamente competere per il 1° posto nel girone C. Il primo match dei rossoverdi era terminato 0-0. Il risultato era stato un po’ deludente, ma come prima gara dopo molto tempo era comprensibile. La seconda partita non era da fallire, e così non è stato. In casa della Paganese è arrivato un sonoro 0-3 con reti di Vantaggiato, Damian e Falletti. E domani si gioca una delle sfide più importanti della stagione.

Il Palermo ha una grandissima voglia di tornare grande al più presto. Tutti ricorderanno la splendida cavalcata dell’anno scorso nel girone I di Serie D, che valse ai rosanero la promozione. Tuttavia il campionato quest’anno non è partito al meglio. La prima giornata ha visto una sconfitta 2-0 contro il Teramo, mentre la 2^ gara contro il Potenza è stata rinviata per positività al Covid-19 di alcuni giocatori del Potenza. Domani per tutta la città di Palermo sarà una gara di riscatto, per dimostrare che i rosanero possono assolutamente competere anche nella terza serie italiana.

A proposito di una possibile parziale apertura dello stadio Liberati a 1000 spettatori si è espresso oggi il presidente Tagliavento dicendo, come riportato dal sito ufficiale del Club:

“Apprendo con stupore che la decisione che doveva essere assunta oggi in merito alla possibilità di far entrare 1.000 tifosi allo stadio da parte della Regione dell’Umbria slitterebbe a domani. Se ciò accadesse rappresenterebbe un danno arrecato alla nostra Società, visto che la Ternana scenderà in campo proprio domani pomeriggio con il Palermo, mentre Perugia e Gubbio, impegnate giovedì, potrebbero fare entrare i propri sostenitori nelle rispettive gare. Posto che siamo stati tra i promotori principali di questa richiesta, inoltrata oltre una settimana orsono, riteniamo che ciò produrrebbe una inaccettabile diversità di trattamento non solo per la Società che mi onoro di rappresentare ma soprattutto per i tifosi rossoverdi che invece meritano considerazione e rispetto”

Seguici su Metropolitan Calcio

Articolo di Fabrizio Somma

© RIPRODUZIONE RISERVATA