Cultura

Tom Ford, un brand, un sex symbol

Il multi-talentuoso Tomas Ford nasce ad Austin, in Texas, il 27 Agosto del 1961. Per la sua capacità di aggiungere un talento ad un altro, viene considerato al pari dei geni del Rinascimento. Stilista, regista, sceneggiatore, produttore cinematografico, fotografo e modello di se stesso, Tom Ford rappresenta quell’eccezione che fa di un uomo talmente bello ed elegante al punto da non sembrare quasi reale, un self made man intelligente, intuitivo, geniale.

Quello che lo contraddistingue da sempre è l’eleganza; per lo stilista infatti, sempre alla ricerca della perfezione, fra moda e cinema, vestirsi bene è segno di educazione. Tom Ford è il James Bond della moda che tutti gli uomini vorrebbero essere. E’ lui a vestire dal 2008 l’agente 007 più amato del mondo e del cinema. Dopo essere stato direttore creativo di Gucci ed Yves Sant Laurent, nel 2006 ha lanciato il suo omonimo brand, e ricopre attualmente il ruolo di presidente del consiglio dei fashion designer d’America.

La formazione e la carriera stilistica

Tom Ford trascorre la sua infanzia nei sobborghi di Huston, per poi trasferirsi all’età di 11 anni a Santa Fe dove si diploma. All’età di 17 anni si trasferisce a New York, città che per lui, come per moltissimi, rappresenterà la vera iniziazione alla vita, e che lo condurrà dritto a se stesso e al suo talento. In questi anni, infatti, frequenta la NY University dove studia Storia dell’arte, e la famosa discoteca Studio 54, dove conosce e frequenta Andy Warrol.

Dopo uno stage a Parigi presso l’ufficio stampa di Chloè, si laurea in architettura e inizia a lavorare alla Perry Ellis come direttore del designer, al fianco di un mostro sacro come Marc Jacobs. La svolta arriva nel 1990 quando “entra” in Gucci, allora azienda sull’orlo della bancarotta, e la trasforma, grazie anche alle incisive campagne pubblicitarie da lui ideate, nell’azienda florida che tutti conosciamo. Da li, assume il ruolo di direttore creativo della Yve Sant Laurent, anch’essa parte del gruppo Gucci ormai solido a livello mondiale, e nel 2004 ritenendo di aver finito il suo lavoro, lascia l’azienda e lancia il suo brand. Collezioni uomo, donna, di eleganza vera, sobria, perfetta; e ancora occhiali, profumi, cosmetica, Tom Ford diviene inarrestabile.

Tom Ford sulle passerelle di Gucci-fonte web
Tom Ford sulle passerelle di Gucci-fonte web

Tom Ford e il cinema

Colin Firth e Julienne Moore in A single man- fonte web
Colin Firth e Julienne Moore in A single man- fonte web

Come regista, sceneggiatore, produttore, Ford ci ha regalato quelle due perle di bellezza e perfezione, fra glamour ed eleganza che sono: A single man e Animali notturni. Il primo presentato alla mostra del cinema di Venezia si è aggiudicato il Queer Lion per il miglior film a tematica omosessuale, e Colin Firth, attore protagonista, la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile. Il secondo, sempre a Venezia si aggiudica il premio della giuria, e gli vale due candidature ai Golden Globe come migliore regista e sceneggiatore.

Una vita basta a malapena a diventare bravo in una cosa, quindi devi stare ben attento a quello in cui vuoi diventare bravo.

E lui è bravo, è brand, è icona gay, è un uomo che si è fatto da solo; è compagno, è padre, è elegante, è bello, Tom Ford è quella perfezione a cui tende senza accorgersi, forse, di incarnarla egli stesso.

Cristina Di Maggio

Seguici su Facebook

Back to top button