Arte e Intrattenimento

Cosa pensa Tom Ford su House of Gucci? “Ho riso molto, ma… avrei dovuto?”

Tom Ford ha fatto una recensione per Airmail News, confessando il suo punto di vista sull’ultimo progetto diretto da Ridley Scott. Cosa pensa Tom Ford su House of Gucci? Lo stilista e regista ha raccontato addirittura di “aver riso molto durante alcune scene”… forse, però, “non avrebbe dovuto farlo” si interroga. Le sensazioni sulla visione del film sull’omicidio di Maurizio Gucci sono contrastanti. Tom Ford era stato direttore creativo proprio di Gucci, nel decennio dal 1994 al 2004 e alla visione del film che racconta la storia di Gucci le sensazioni sono forti e altalenanti. Tanto che lo stilista stesso si definisce soddisfatto alla visione ma comunque “incerto sulla natura del film”.

“Era una farsa o un ritratto avvincente del sentimento di rapacità? Ho riso spesso ma… Avrei dovuto farlo o no? Mi sono sentito come fossi stato trascinato da un forte uragano alla fine della proiezione”

Così ha commentato il regista Tom Ford.

Apprezzamento del film a parte, pare che siano le sensazioni sulle interpretazioni di Al Pacino e Jared Leto a essere discordi. Ed è il regista stesso a raccontare che “Ogni volta che Al Pacino e Jared Leto apparivano sullo schermo nei panni di Aldo e Paolo Gucci, mi sembrava di assistere a una puntata del Saturday Night Live. Certe licenze concesse loro sono state davvero esagerate!”.

Tom Ford su House Of Gucci non si limita a complimentarsi, invece, in maniera indiscussa con Lady Gaga, che ritiene“La vera star del film”.

Gaga ruba la scena a tutti quanti. Nonostante il suo accento sia tutt’altro che perfetto, riesce a dominare qualsiasi frame in cui compaia! Tutto il resto passa in secondo piano!”.

Tom Ford

Ad ogni modo, House Of Gucci ha inevitabilmente scosso lo stato d’animo di Tom Ford che, infatti, racconta di essere stato triste per una settimana dopo aver visto il film. Il perchè è da ricondurre alla storia che lo ha legato a Gucci e che in qualche modo lo riguarderà sempre.

Credo che questo sentimento possa essere provato solo dalle persone che conoscevano realmente i personaggi portati sullo schermo. Per me, è stato davvero difficile assistere a quello spettacolo camp e umoristico. La realtà è stata terribile e tragica, non ironica”.

Tom Ford

Seguici su

Facebook, InstagramMetròLa Rivisita Metropolitan Magazine N6

Adv
Adv
Adv
Back to top button