La stagione 2015-2016 di Serie B fu caratterizzata dalla promozione in A di Cagliari e Crotone più il Pescara, che ebbe la meglio sul Trapani nella doppia finale dei Playoff. Il Trapani di Cosmi fu la vera rivelazione del campionato. Ripercorriamo l’impresa sfiorata dalla squadra siciliana.

La Serie B 2015-2016

La stagione 2015-16 parte con il fallimento del Parma e le retrocessioni per illeciti sportivi di Catania e Teramo (appena promosso dalla Lega Pro). Vengono ripescate Brescia, Ascoli e Virtus Entella. Il girone d’andata si chiude con Cagliari e Crotone nelle prime posizioni della classifica. In zona Playoff ci sono anche Novara, Brescia, Pescara e Bari che chiude il girone d’andata con la sconfitta di Trapani e decide di esonerare Nicola sostituendolo con Camplone.

La squadra di Cosmi inizia il girone di ritorno con due sconfitte consecutive ma nelle restanti 19 partite colleziona ben 44 punti che le permettono di scalare la classifica e chiudere addirittura al terzo posto. Il campionato si chiude con la promozione di Cagliari e Crotone. Ai Playoff ci vanno Pescara, Bari, Cesena, Spezia, Novara e la sorpresa Trapani.

I protagonisti del Trapani

Protagonisti assoluti della stagione del Trapani furono l’attaccante Nicola Citro che segnò 12 reti più altre due nei Playoff, i difensori goleador Fazio (3 gol) e Scognamiglio (8 gol) e il fantasista Coronado rivelazione della stagione. Decisivi furono anche gli acquisti del mercato di gennaio del centrocampista Nizzetto e dell’attaccante Petkovic.

Il girone d’andata

In estate il Trapani aveva deciso di confermare (come da contratto) Serse Cosmi con l’obiettivo di centrare la terza salvezza consecutiva. Vengono acquistati Eramo, Scognamiglio, Accardi, Torregrossa, Montalto, Sodinha, Fazio e Coronado.

Parte subito bene il Trapani che batte alla prima giornata 3-0 la Ternana grazie alla doppietta di Torregrossa e il gol del fantasista Coronado. Nelle prime 7 giornate la squadra siciliana colleziona 3 vittorie e 4 pareggi prima della sconfitta casalinga contro il Pescara. Quella col Pescara è la prima di 4 sconfitte consecutive che fanno scivolare il Trapani in decima posizione, che sarà mantenuta fino alla fine del girone d’andata.

Il girone di ritorno del Trapani

Il girone di ritorno inizia con 3 sconfitte nelle prime 5 partite. Alla sesta giornata arriva la svolta, la squadra di Cosmi va a vincere a Perugia grazie alle reti di Coronado e Torregrossa. Da quel momento il Trapani non perderà più nessuna partita, 16 risultati utili consecutivi fino a fine campionato, comprese anche le 8 vittorie consecutive tra la 31a giornata (2-1 in casa del Vicenza) e la 38a (2-1 casalingo contro il Cesena).

Nelle ultime due giornate arrivano le vittorie decisive contro il Crotone (già promosso in Serie A) per 3-0 e soprattutto con il Bari nello scontro diretto dell’ultima giornata (1-2 il risultato finale). Il Trapani chiude quindi il campionato al terzo posto con 73 punti. Ai Playoff dovrà affrontare lo Spezia, vittorioso al primo turno contro il Cesena.

Bari-Trapani, ultima giornata di campionato

I Playoff

Nella semifinale d’andata dei Playoff il Trapani vince a La Spezia 1-0 con gol di Coronado mentre nella sfida di ritorno allo stadio Comunale vince 2-0 con reti di Scozzarella e Citro su rigore.

In finale la squadra di Cosmi trova il Pescara di Massimo Oddo. Le partite della stagione regolare sono terminate con due vittorie esterne: il Pescara ha vinto a Trapani 3-0, il Trapani ha vinto a Pescara 2-1. La sfida si presenta quindi equilibrata e aperta a qualunque pronostico col Trapani che sogna la prima promozione in Serie A.

I granata hanno chiuso il campionato al terzo posto e i biancazzurri al quarto. In caso di parità al termine del doppio confronto sarà la squadra siciliana a essere promossa in serie A. La finale di andata, a Pescara, termina però in favore degli abruzzesi che si aggiudicano il match per 2-0 con le reti di Benali e del capocannoniere del campionato Lapadula. Il Trapani a questo punto ha bisogno di una vittoria con due gol di scarto per salire in Serie A.

Il sogno sfumato

La sfida di ritorno alimenta subito i sogni di promozione del Trapani che si porta in vantaggio dopo 5 minuti con Citro. La partita è combattutissima, ci sono azioni da gol da entrambe le parti ma al 12esimo del secondo tempo un errore in disimpegno della squadra siciliana permette a Verre, con un pallonetto da quasi metà campo, di beffare il portiere Nicolas. Arriva quindi l’espulsione di Scognamiglio che spegne definitivamente i sogni di promozione del Trapani. Al termine della sfida Cosmi, in panchina, scoppia in lacrime e Oddo lo consola abbracciandolo: è l’immagine più bella e significativa della partita e forse di tutto il campionato.

Photo Credits: LaPresse

Seguici su Facebook e Twitter!

© RIPRODUZIONE RISERVATA